Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 957
MODICA - 08/08/2010
Attualità - Modica: quando si predica bene e si razzola male

Manifesti abusivi di istituto scolastico, 4 verbali

Elevate multe per mille 600 euro dopo che la squadra di attacchini abusivi è stata colta in flagranza
Foto CorrierediRagusa.it

Una fila di manifesti abusivi di un istituto scolastico privato di Rosolini, lunga quasi un chilometro, campeggia sul muro di cinta del glorioso campo sportivo «Vincenzo Barone» (nella foto - TUTTI I DIRITTI RISERVATI), ma anche in altre parti della città. Qualcuno ha pensato bene di evidenziare che i manifesti non erano stati affissi assolvendo agli obblighi di legge, scrivendovi sopra con della vernice spray bianca l’emblematica scritta «abusivi».

Di questa circostanza alquanto singolare si è accorto anche l’assessore alla polizia municipale Antonio Calabrese, che, proprio in questo periodo estivo, aveva impartito precise direttive agli agenti, la cui squadra apposita è impegnata in una costante opera di prevenzione e repressione del fenomeno delle affissioni abusive. Un fenomeno che arreca un danno economico non indifferente alle esangui casse dell’ente, a causa dei mancati introiti e delle ulteriori spese per la copertura dei manifesti abusivi con quelli del comune che indicano la circostanza. Senza contare la concorrenza sleale nei confronti di chi adotta questo strumento pubblicitario nel pieno rispetto delle regole pagando, tra le altre cose, la tassa di affissione.

«Proprio l’altra sera – commenta l’assessore Calabrese – è stata colta sul fatto una squadra di persone, individuata e identificata, che stava procedendo in via Resistenza Partigiana ad affiggere manifesti senza la necessaria autorizzazione da parte dell’ufficio affissioni. Per questa ragione sono stati elevati quattro verbali per altrettante multe, per un ammontare complessivo di mille 600 euro. La circostanza deprecabile – aggiunge l’assessore – è che i manifesti abusivi reclamizzano corsi per il rilascio di diplomi scolastici di un’ istituto provato di Rosolini. Proprio un esempio di pessima creanza e assenza di senso civico – conclude l’assessore – da parte di chi dovrebbe educare alla legalità e al comportamento fondato sulla correttezza e sul rispetto delle leggi».