Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 810
ISPICA - 28/11/2007
Attualità - Ispica - Evidenziati i valori positivi delle discipline sportive

I piccoli alunni del "Da Vinci"
dicono "No alla violenza
nello sport"

Dopo aver concluso un laboratorio sull’educazione e sulla convivenza civile Foto Corrierediragusa.it

«No alla violenza nello sport»: è questo il grido d’aiuto lanciato dagli studenti dell’Istituto comprensivo «Leonardo da Vinci». Il messaggio arriva dopo aver concluso un laboratorio sull’educazione e sulla convivenza civile, condotto dai docenti Vincenzo Cesareo, Dina Aprile e Franca Moltisanti.

L’esperienza, che ha coinvolto in maniera profonda gli studenti, è culminata con un incontro nella palestra della scuola con il presidente della Figc di Ragusa, Pino Cicciarella.

Erano inoltre presenti il professore Francesco Paternò, responsabile delle federazione per i rapporti con le scuole, il giudice sportivo Riccardo La Ciura e il sostituto giudice sportivo Giuseppe Guerrieri.

All’incontro ha infine partecipato l’ex allenatore della squadra calcistica di Acireale e di Ragusa, Corrado Vaccaro, attuale tecnico del Rosolini.

Tutti i relatori hanno evidenziato i valori positivi dello sport, purtroppo minacciati da tanti episodi di violenza compiuti da psudo ? sportivi.

Numerose ed interessanti sono state le domande poste dagli alunni agli ospiti. Sono state proprio le riflessioni scaturite dal laboratorio, prima, e dall’incontro con i tecnici, poi, a far urlare agli studenti: «No alla violenza nello sport».

Il dirigente scolastico Giuseppe Amore (nella foto) nel suo intervento ha ringraziato i tecnici intervenuti all’incontro proprio perché momenti di riflessione del genere contribuiscono a promuovere il senso civico ed a rafforzare i valori della cittadinanza che lo sport persegue.

Francesco Paternò I piccoli alunni del "Da Vinci"