Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 948
ISPICA - 16/10/2009
Attualità - Ispica: l’inquilino aveva accumulato un debito di quasi 8 mila euro

Iacp: primo sfratto per morosità da alloggi popolari a Ispica

Non si tratta dell’occupazione abusiva di un appartamento, ma del mancato pagamento del canone annuo

L’istituto autonomo case popolari (Iacp), anche ad Ispica, ha eseguito uno sfratto. Non si tratta dell’occupazione abusiva di un appartamento, ma del mancato pagamento del canone annuo.

Si tratta del primo sfratto eseguito ad Ispica e altri ne seguiranno nei primi giorni della prossima settimana, così come è stato reso noto in documento diffuso dall’Istituto.

L’assegnatario dell’alloggio, sito nello stabile in via della Scultura, è in sostanza moroso. Nonostante i solleciti di pagamento del canone, ha perseverato non versando la cifra dovuta all’Istituto, contraendo un debito di quasi 8 mila euro.

Lo sfrattato ha effettuato dal 19 gennaio 1987, data dell’assegnazione dell’alloggio popolare, soltanto due versamenti del canone. Il primo nel 2001 e il secondo nel 2005.

Dal 2005 è stato messo in mora e avvertito dei rischi che correva. Ma, da allora, non ha più effettuato alcun versamento.

Continua, quindi, l’azione ferma e decisa dell’Iacp contro gli abusivi e i morosi.

Martedì, 20 ottobre, sono previsti altri due sfratti di famiglie che occupano abusivamente appartamenti dell’Istituto. Il primo si trova in un alloggio popolare in via Cesare Terranova. La famiglia che lo occupa, spontaneamente, dovrebbe lasciare l’immobile il giorno prima.

L’altro sarà effettuato a Scicli, dove l’Istituto dovrà forse cercare la collaborazione delle forze dell’ordine.