Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1284
ISPICA - 05/11/2007
Attualità - Ispica - Insistono in direzione Ispica-Modica

Tre piani di lottizzazione
approvati dal consiglio

Rustico: "Dopo 18 anni di attesa si è raggiunto questo obiettivo" Foto Corrierediragusa.it

Approvati ancora tre piani di lottizzazione durante l’ultimo consiglio comunale. La maggioranza di centrodestra è risultata compatta votando, unanime, in modo favorevole.

Le lottizzazioni insistono sulle aree di intervento unitario «9», «10» e «11», previste dal Piano regolatore generale nella zona di espansione residenziale «C», sottozona «C3», in direzione Ispica ? Modica.

A quanto pare la deliberazione dell’adunanza è stata di importanza notevole. I motivi sono stati illustrati dal presidente del consiglio comunale Massimo Dibenedetto, dal sindaco Piero Rustico e dall’assessore ai lavori pubblici Luigi Ruffino (da sx nella foto).

Ha esordito il sindaco Rustico spiegando che «solo dopo 18 anni di attesa si è raggiunto un obiettivo tanto importante ai fini di risvegliare l’economia locale e il risultato è stato conseguito grazie all’attuale amministrazione».

Sulla medesima linea l’assessore Ruffino che ha evidenziato come le lottizzazioni effettuate «accenderanno il volano dell’economia e in modo particolare in quanto abbinate al Prg di imminente approvazione considerato che, in questo momento, si trova depositato presso il Genio civile di Ragusa per i relativi pareri tecnici».

Specifico invece il presidente Dibenedetto:«Sono state in tutto approvate sei lottizzazioni. Negli ultimi mesi, sono stati quindi liberati 500 suoli da destinare all’edificazione di abitazioni residenziali. Il beneficio che ne trarranno i cittadini è relativo ad un abbassamento dei prezzi del 50 per cento. Tale constatazione scaturisce dal fatto che i costi si aggiravano dai 300 a 450 euro al metro quadrato. Quindi, una boccata d’ossigeno per il comparto edilizio. A coloro che ? conclude Dibenedetto ? hanno ventilato l’accusa di speculazione, rispondo che il Comune non è in cattiva fede solo per le tasse, quali ad esempio l’Ici, che andrà a riscuotere sugli eventuali immobili».