Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 986
ISPICA - 14/06/2009
Attualità - Ispica: la denuncia del consigliere Salvuccio Rustico

Ispica: Parco Forza pieno di sterpaglie e a rischio incendi

Intanto in centro piazza Mazzini versa in stato di abbandono
Foto CorrierediRagusa.it

Diverse aree del parco archeologico della Forza risultano «floride» di sterpaglie (nella foto), aumentando il rischio degli incendi nell’imminente stagione estiva. Mentre, in pieno centro, l’illuminazione di piazza Mazzini versa in uno stato di assoluta precarietà, oltre ad essere «preda» di vandali la piazza stessa. La denuncia parte dal consigliere Salvuccio Rustico che documenta quanto asserisce con diverse foto, inviando inoltre una segnalazione al Comune sul degrado in cui versano piazza Mazzini e il parco Forza.

Nel Parco forza, secondo quanto rende noto il consigliere Rustico, lo stato di incuria insiste nel luogo in cui si trovano i resti del palazzo Marchionale, dell’antica chiesa Annunziata e sulle aree circostanti: erbacce e sterpaglie sono alte oltre un metro.

Rustico aggiunge che «la mancata pulizia di queste aree, luoghi interessati dalle visite di centinaia di turisti, potrebbe generare incendi, mettendo in pericolo l’incolumità dei visitatori, la salvaguardia dei siti archeologici e la fauna di Cava d’Ispica. Il Comune – evidenzia il consigliere – non ha solo l’obbligo di intervenire sul Parco forza, area di propria competenza, ma dovrebbe sollecitare anche gli altri enti, responsabili della cura di quelle zone che ricadono sul nostro territorio ispicese.

Nel documento, il consigliere sollecita l’amministrazione comunale ad «attivarsi con urgenza, intervenendo sulla sterpaglia, tutelando l’incolumità pubblica e limitando al minimo il rischio di incendi».

Per quel che concerne il cuore della città, piazza Mazzini, denuncia Rustico, risulta imbrattata di scritte, danneggiata da atti vandalici e carente anche nell’impianto di illuminazione, compromettendone la vivibilità.

Piazza Mazzini è stato realizzata per celebrare la memoria di uno dei maggiori esponenti politici dello scorso secolo, amministratore della città e della Regione. La stele a lui dedicata è stata deturpata dagli atti vandalici.

«In piazza Mazzini – spiega Rustico – sono organizzate in estate manifestazioni ed eventi di diverso genere. Vi si trova inoltre la sosta degli autobus, dove transitano centinaia di persone che vedono tale scenario di degrado, compromettendo l’immagine della città stessa. Per questi motivi – conclude – è necessario un intervento del Comune, ripulendola letteralmente dalle scritte che imbrattano i muri ed, al contempo, migliorando l’impianto di illuminazione».