Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1185
ISPICA - 04/03/2009
Attualità - Ispica: la paventata chiusura del liceo linguistico ha generato perplessità

Ispica: secondo il preside del "Kennedy" il danno è fatto

Angelo Fortunapaventa un netto calo delle iscrizioni

Ha generato danni, forse irreparabili, la notizia sulla paventata soppressione del Liceo linguistico provinciale «Kennedy». È quanto teme Angelo Fortuna, preside dell’istituto ispicese, che presume un calo delle iscrizioni a causa del vespaio sollevato attorno alla presunta chiusura della scuola.

Secondo Fortuna «a cosa è valso sventare la soppressione del «Kennedy» se non dovessero esserci poi iscritti e il liceo sarebbe comunque chiuso. È chiaro che la notizia abbia spaventato tante famiglie e che queste ultime si siano presumibilmente regolate di conseguenza. Qualcuno ha giocato e giostrato con astuzie la notizia sulle difficoltà economiche che attraversa la Provincia nel gestire il liceo, facendo esplodere una bomba proprio alla vigilia delle pre-iscrizioni negli istituti di istruzione superiore».

In sostanza, secondo il dirigente del «Kennedy» aleggia lo spettro del boicottaggio dietro alla paventata soppressione del liceo. E lo ha tranquillamente affermato ieri in presenza di quattro dei componenti della Quarta commissione consiliare provinciale che si sono occupati della vicenda: Salvatore Moltisanti, Fabio Nicosia, Venerina Padua e Vincenzo Pitino.

Moltisanti, Nicosia, Padua e Pitino si sono recati nella sede del «Kennedy» per confermare quanto anticipato dall’assessore provinciale alla Pubblica istruzione, Pippo Giampiccolo, ossia il fatto che il liceo non chiuderà.

Il preside Fortuna ha inoltre evidenziato un altro fatto che evince quel boicottaggio del liceo ispicese al quale faceva riferimento:«La Provincia non approva un progetto del «Kennedy» da ben quattro anni, non è vero quindi che l’istituto non produce una proficua attività, piuttosto sembra quasi ci vogliano isolare». Confermando inoltre che gli iscritti sono oltre 100.

È bene ricordare, purtroppo a molti non è noto, quanto il Liceo linguistico «Kennedy» sia un pregiato prodotto di nicchia. Rappresenta un «unicum» in provincia di Ragusa proprio per la sua peculiarità, che poco o nulla spartisce con gli indirizzi linguistici sperimentali degli istituti statali. Proteggerlo, significa garantire un fiore all’occhiello dell’istruzione specialistica linguistica, fatto dimostrato dal dato che di licei linguistici «puri» in tutta Italia ne esistano soli 14.