Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1035
ISPICA - 26/01/2009
Attualità - Ispica - Saranno contenuti i costi della raccolta dei rifiuti

Ispica: nessun aumento della Tarsu

Il Comune ha annullato il bando di gara dell’appalto del servizio
Foto CorrierediRagusa.it

Attilio Tornavacca si è recato due giorni fa in città, accettando l’invito del sindaco Piero Rustico (nella foto) e dell’assessore all’Ecologia e Ambiente, Cesare Pellegrino. Il professore monzese, incaricato da sei anni a questa parte di redigere il bando unico inerente alla raccolta dei rifiuti solidi urbani al quale dovrebbe uniformarsi la provincia, ha fornito suggerimenti volti a migliorare il Piano rifiuti presentato a suo tempo dal Comune.

Le utili informazioni del professor Tornavacca serviranno in primis per contenere i costi relativi alla raccolta dei rsu. Come ha precisato in diverse occasioni l’assessore Pellegrino, «il Comune non ha intenzione di aumentare le tasse, lo dimostra il fatto che, da due anni a questa parte, le cifre rimangono stabili sul milione e 800 mila euro circa».

Il Comune, ieri, ha intanto bonificato l’ultima discarica presente in città, quella nel campo sportivo «Moltisanti» in contrada Crocefia. Una vasta operazione di pulizia effettuata grazie anche agli aiuti della Provincia. Il decoro cittadino è infatti garantito ad Ispica da soli otto netturbini e la città presenta un territorio vastissimo. Mentre città minuscole come Pozzallo usufruiscono di bene 46 unità operative.

Il Comune ha nel frattempo annullato il bando di gara ed allegati, relativo all’appalto del servizio di raccolta dei rsu (differenziata porta a porta) e dell’igiene urbana. Si tratta della delibera adottata dalla giunta municipale il 19 gennaio scorso. L’annullamento scaturisce dall’esigenze di redigere ex novo il documento e adottare degli accorgimenti senza i quali le ditte locali non potrebbero partecipare al bando.

Il Partito democratico, in una nota, ha ribadito contrarietà nel conferire ad esterni il servizio di raccolta rifiuti. Comporterebbe a loro avviso «un aumento della tassa sulla spazzatura, una qualità del servizio certamente più scadente oltre che una spesa per l’ente di circa 20 miliardi delle vecchie lire».

Secondo il Pd, quindi, l’annullamento del bando di gara «rappresenta l’occasione per il sindaco e per l’assessore Pellegrino di riflettere sulla soluzione individuata». Suggerendo «di studiare in modo più attento ai costi che da questa operazione graverebbero sull’ente e sui cittadini».