Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 849
ISPICA - 19/11/2008
Attualità - Ispica - Su iniziativa del professore Maurizio Franzò

Ispica: libri di testo gratis dal 2009

Il liceo classico ispicese inaugura una nuova era
Foto CorrierediRagusa.it

I libri di testo non saranno più una spesa a carico degli studenti, ma della scuola. Si tratta di un intervento in aiuto delle famiglie che il professore Maurizio Franzò (nella foto), dirigente scolastico del «Curcio», attuerà nel 2009. Il Liceo classico ispicese risulta il primo in provincia ad effettuare questo tipo di provvedimento che risulterà un sollievo per le famiglie strozzate dai nefasti effetti prodotti dall’aumento del prodotto interno lordo (Pil).

La notizia è stata resa nota ieri dal preside Franzò durante una conferenza stampa dove erano inoltre presenti i docenti Salvatore Belfiore, Gabriella Bruno, Giorgio Cavallo, Carmela Corallo e Fiorella Donzello.

L’importo destinato al finanziamento ammonta a 20 mila euro e fa parte del budget di cui dispone l’istituto d’istruzione superiore. La cifra risulta pari al 30 per cento della spesa complessiva a carico delle famiglie degli studenti. I genitori risparmieranno in pratica circa 600 euro, riducendo di un terzo i costi. I beneficiari saranno gli allievi del ginnasio e quelli del primo biennio del professionale che, in sostanza, riceveranno in prestito i manuali scolastici e dovranno poi restituirli in buone condizioni alla fine dell’anno.

Il preside Franzò ha in sostanza rivoluzionato il modo di gestire le risorse economiche della scuola superiore, seguendo la scia degli istituti esteri. Da molti anni, in Paesi come la Germania è consuetudine il fatto che siano gli istituti di istruzione a dotare gli studenti dei libri di testo. Come ha giustamente sottolineato la professoressa Bruno:«La scuola deve essere a servizio degli studenti e non a loro carico».

Un´altra importante iniziativa resa nota dal professor Belfiore, docente di sostegno, riguarda una migliore integrazione dei diversamente abili: una postazione informatica «Braille» per i non vedenti. Il «Curcio» vanta nove allievi non «normo» dotati inseriti in progetti innovativi come quelle inerenti alla «pet therapy» e all’acqua terapia.

Franzò ha inoltre annunciato che, oltre ai fondi regionali destinati ai diversamente abili, il «Curcio» tenterà di accedere ai quelle importanti e sostanziose somme, «Unrra», di cui dispone il ministero degli Interni.