Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 771
ISPICA - 18/10/2007
Attualità - Ispica - Iniziativa dell’assessorato provinciale alle politiche sociali

Giornata mondiale
dell´alimentazione
celebrata all´Asca

"Il diritto all’alimentazione è anche il diritto ad una alimentazione sana e corretta" Foto Corrierediragusa.it

«Il diritto all’alimentazione: un obiettivo da raggiungere». Questo il tema dell’incontro organizzato dall’Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Ragusa, in collaborazione con il Comune di Ispica, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione promossa dalla FAO.


«Istituzioni, mondo del volontariato e giovani uniti per risolvere i grandi problemi sociali che attanagliano il nostro pianeta. Questa frase ? ha dichiarato Raffaele Monte, assessore provinciale alle politiche sociali (nella foto da dx con il prefetto Marcello Ciliberti e il sindaco di Ispica Piero Rustico) ? è la sintesi più fedele dell’incontro di oggi. Ognuno di noi, ciascuno nel ruolo che ricopre, ha il dovere di adoperarsi per trovare soluzioni concrete a problemi come la malnutrizione con la consapevolezza che non si tratta di problematiche estranee alla nostra quotidianità».


Un incontro fortemente caldeggiato dal Prefetto di Ragusa Marcello Ciliberti, e che ha visto la nutrita ed attenta partecipazione degli studenti degli istituti superiori di Ispica. «Coinvolgere gli studenti degli istituti superiori ? ci è sembrato il modo più corretto per celebrare la Giornata Mondiale dell’Alimentazione. I giovani sono il futuro della nostra società ed è a loro che dobbiamo rivolgerci e sono loro che dobbiamo sensibilizzare perché problematiche come la malnutrizione trovino soluzioni e diventino sempre più ricordi del passato».

Al tavolo dei relatori, insieme al sindaco di Ispica Piero Rustico, all’assessore comunale ai servizi sociali Gianni Tringali ed all’assessore provinciale alle politiche sociali Raffaele Monte, ha visto la presenza del dr. Giuseppe Cicero, responsabile della UOS 34 ASCA dell’Assessorato Regionale all’agricoltura, del dr. Aldo Billone, responsabile del Servizio Igiene degli Alimenta e della Nutrizione della AUSL 7 di Ragusa, e del dr. Francois Mbahweka, responsabile del Centro Nutrizionale «Giorgio Cerruto» della Diocesi di Butembo Beni (Congo).

La scelta di celebrare la Giornata Mondiale dell’Alimentazione ad Ispica e, più precisamente, nella sede dell’ASCA non è stata del tutto casuale, come ha avuto modo di sottolineare il sindaco Rustico. «Oggi ? ha detto il primo cittadino ispicese ? il diritto all’alimentazione non è solo il diritto a ricevere un sostentamento alimentare. Il diritto all’alimentazione è anche il diritto ad una alimentazione sana e corretta. Un diritto che Ispica, con la sua cultura agroalimentare, rafforzata dalla presenza di una importante istituzione come l’ASCA, oggi rappresenta a pieno titolo».

E proprio la cultura della sana e genuina alimentazione è stato l’argomento che il dr. Giuseppe Cicero ha trattato nel corso del suo intervento. Particolare interesse hanno suscitato nei giovani presenti gli interventi del dr. Billone, che ha offerto una analisi sanitaria dettagliata della situazione mondiale sull’accesso all’alimentazione, e del dr. Francois Mbahweka, che ha condiviso con i presenti l’esperienza del Centro Nutrizionale, creato nella Diocesi di Butembo Beni grazie al fattivo contributo dell’associazione modicana intitolata a «Giorgio Cerruto». Un centro nutrizionale che no guarda solamente all’aspetto sanitario.

«Nel Congo ? ha dichiarato don Salvatore Cerruto, presidente dell’associazione pro infanzia «Giorgio Cerruto» di Modica ? non è certamente la mancanza di beni alimentari ad essere un problema. Il vero problema è la mancanza di una cultura capace di saper utilizzare e far fruttare questi beni. Si pensi, per esempio, che gli abitanti non conoscevano le tecniche basilari di aratura. Il problema, allora, non è tanto far arrivare loro di che mangiare, ma insegnare loro come produrre».