Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 668
ISPICA - 10/02/2016
Attualità - Cerimonia dell’imposizione delle Ceneri, antica prassi penitenziaria risalente al quarto secolo

Ispica, processione "Patena" apre la Quaresima

E’ l’aureola reliquiaria del Cristo alla Colonna, il cui simulacro si porta in processione il Giovedì Santo Foto Corrierediragusa.it

Carnevale finito, comincia la Quaresima con la cerimonia dell´imposizione delle Ceneri, antica prassi penitenziaria risalente al quarto secolo. Nei comuni iblei le funzioni religiose hanno osservato questo appuntamento ma quello più sentito si è tenuto a Ispica proprio nel giorno di carnevale a mezzogiorno con la solenne processione della "Patena". Questa è l´aureola reliquiaria (foto) del Cristo alla Colonna (il cui simulacro si porta in processione il Giovedì Santo). Il corteo si snoda dalla Basilica con la presenza della Confraternita e degli stendardi; il sacerdote che regge il prezioso reliquiario sotto un baldacchino rosso e infine la banda musicale con i fedeli al seguito. A metà percorso, circa, la processione si ferma per dare spazio ad un suggestivo intrattenimento pirotecnico diurno per poi rientrare in Chiesa. Dopo la solenne benedizione con la "Patena", il sacerdote con i confrati si dirigono all´altare del.Cristo alla Colonna (la cui statua è già svelata) e intonano il tradizionale canto del "Populo meo" seguito dalle incessanti ovazioni dei devoti. Per Ispica è l´izio della Quuaresima seppur con un giorno di anticipo. La festa della Patena ha origine nell´antico calendario liturgico siciliano che celebrava la flagellazione di Gesù , il martedì precedente il mercoledì delle Ceneri. Il disco d´argento, come da tradizione, è stato posto sul capo del Cristo alla Colonna, come aureola.