Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 848
ISPICA - 01/12/2015
Attualità - Il coordinatore provinciale Giorgio Abbate ha incontrato studenti e associazioni

Legalità e cittadinanza attiva secondo Libera

Ripercorsa la storia di Libera, dalla nascita fino al 20mo compleanno della rete di associazioni Foto Corrierediragusa.it

Libera associazioni, nomi e numeri contro le mafie ha incontrato studenti e associazioni a Ispica per confrontarsi sul tema della legalità e della cittadinanza attiva. Giorgio Abate, coordinatore provinciale di Libera, e Rosario Lupo, socio di Libera, hanno dialogato con gli studenti Davide Assenza e Francesca Rizza dell’Istituto "Curcio", Sergio Moltisanti e Francesca Marina del gruppo «Scout in cammino», Marco Ruffino dell’associazione «Vespa Club», Stefano Marina socio del circolo «LegambienteSikelion», Gaetano Donzella vice presidente del circolo «LegambinenteSikelion» e membro dell’associazione «Zymè», Pietro Avveduto del «Comitato Trasparenza e Buona Politica», Agostino Cordelli dell’associazione «Meridies» e Francesca Failla di «Integrorienta», la cooperativa che gestisce il centro Sprar di via Sardegna.

Durante la serata è stata ripercorsa la storia di Libera, dalla nascita fino al ventesimo compleanno, quest’anno dalla rete di associazioni fondata nel 1995 da Don Luigi Ciotti e dai parenti delle vittime di mafia.
Sono state poi presentate le attività e i progetti del coordinamento provinciale, presente dal 2008 nel territorio e impegnato nella promozione della legalità e della lotta alla mafia tramite l’organizzazione di incontri con studenti, associazioni, testimoni della lotta alla mafia e nella raccolta firme per le petizioni promosse da Libera che hanno portato negli anni all’adozione di leggi importanti per il cammino di legalità e di giustizia del paese. Hanno fatto seguito gli interventi dei rappresentanti delle associazioni che hanno raccontato la città di Ispica e gli impegni presi dalle realtà da loro rappresentate.

«L’incontro -affermano gli organizzatori -vuole essere il primo passo di un percorso che promuova l’impegno dei cittadini, soprattutto dei più giovani, affinché in una rete di associazioni possano trovare più occasioni per sperimentare la bellezza dei valori della Costituzione repubblicana. Per questo il coordinamento provinciale di Libera si augura che strada facendo si aggiungano nuove persone e nuove associazioni a dare il loro contributo per la città di Ispica, per lo sviluppo e la diffusione di temi di fondamentale importanza come la cultura, la legalità e la giustizia».