Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1044
ISPICA - 26/11/2015
Attualità - Eva Brugaletta nuova presidente

Ha cambiato volto la Fidapa di Ispica: novità e tradizione

La Brugaletta è la più giovane presidente del territorio ibleo e fra le più giovani del Distretto Sicilia Foto Corrierediragusa.it

Dopo un proficuo biennio di attività, la Fidapa ispicese cambia volto, rinnovando il comitato di Presidenza di sezione, il Consiglio di sezione, il Collegio dei revisori dei conti. Ecco il nuovo direttivo: Past president Giuseppina Corallo, Presidente Eva Brugaletta, Vicepresidente Anna Maria Nigro, Segretaria Mirella Agnello, Tesoriere Giuseppina Vaccaro. Consiglieri: Daniela Bruno, Teresa Cavarra, Nella Donzello, Lia Iemmolo, Angela Santostefano, Teresa Scenna. Revisori dei Conti: Rosalba Caschetto, Vera Grandi, Anna Terminello. Pina Corallo, Past president, membro di diritto del comitato di presidenza, ha in modo encomiabile presieduto la Fidapa nel biennio 2013 – 2015, scrivendo una nuova pagina di storia della sezione ispicese. Si pensa che ogni giorno si rediga una diversa pagina di storia. E invece no. La storia procede per cicli: corsi e ricorsi.
Pina Corallo ha quindi svolto un lavoro importantissimo, che, oggi, ha condotto ad un radicale cambiamento rispetto al passato, lasciando socie unite e motivate.

Eva Brugaletta raccoglie una difficile eredità, ma la grinta non le manca, spinta dall’orgoglio di un’elezione unanime, che le conferisce la fiducia delle socie fidapine. La Brugaletta è la più giovane presidente del territorio ibleo e fra le più giovani del Distretto Sicilia. Il biennio che presiederà, vedrà la sezione ispicese confrontarsi e sviluppare il tema nazionale «I talenti delle donne: una risorsa per lo sviluppo sociale, economico e politico del nostro Paese». "Per quel che mi riguarda – spiega Eva Brugaletta a proposito del tema nazionale nell’intervento durante il Passaggio delle Consegne dal vecchio al nuovo direttivo – lascio riposto il talento nella sfera metafisica del dono ricevuto dal divino, per chi crede. Per chi non crede, una fortuita e fortunata combinazione di geni. Preferisco parlare di abilità, riconducendo il tema biennale nell’alveo della normalità".