Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 818
ISPICA - 18/11/2015
Attualità - Area popolare solleva di nuovo il problema

Allagamenti dopo stop ai lavori sulla Rosolini Modica

A rischio la mancata ultimazione dei canali di raccolta delle acque Foto Corrierediragusa.it

Comporterebbe allagamenti devastanti la sospensione dei lavori sul tratto autostradale Rosolini – Modica, che insiste in gran parte sul territorio ispicese. È di nuovo Area popolare a sollevare il problema dopo un mese dalla prima denuncia, evidenziando che il sindaco Pierenzo Muraglie "Continua a tacere sulle cose davvero importanti e nel momento in cui diventa sempre più certa lo stop ai lavori nel tratto autostradale in gran parte stanziato sul nostro territorio, non ritenendo ancora opportuno far sentire la sua voce a difesa della prosecuzione dei lavori che stanno interessando quasi tutto il bassopiano ispicese" e le relative problematiche inerenti al contenimento delle acque piovane e il loro deflusso. Nelle ultime settimane, spiega il consigliere comunale del movimento, Giuseppe Quarrella, "Diverse associazioni di categoria sono intervenute contro il probabile fermo dei lavori, confermando di fatto come l’unica assente in questo delicato tema sia l’amministrazione comunale ispicese, probabilmente impegnata a discutere l’importante questione dell’intitolare l’unica piazza esistente sulla fascia costiera di Santa Maria del Focallo ai migranti del mare piuttosto che ad uno dei tanti figli illustri della nostra città". Lo stop ai lavori dell’autostrada diventerebbe un problema. L’infrastruttura sarà infatti costruita con una serie di terrapieni che, di fatto, funzioneranno da sbarramento artificiale per il deflusso delle acque piovane. Per arginare il problema degli allagamenti, inevitabilmente causati dal tracciato autostradale, è stata a corredo dell’opera progettata una serie di canali di raccolta delle acque con il compito di convogliarle a mare.

La sospensione dei lavori, probabilmente a tempo indeterminato e con i terrapieni in buona parte già costruiti, potrebbe quindi comportare, spiega Quarrella, "La mancata ultimazione dei canali di raccolta delle acque, per cui il problema degli allagamenti già verificatisi potrebbe diventare realtà ad ogni evento atmosferico di portata superiore alla media, soprattutto in quelle zone dove insistono diverse attività commerciali e artigianali. Per ovviare a tutto ciò – conclude il consigliere – chiediamo con forza che l’amministrazione Muraglie la smetta di perdere tempo in faccende dal retrogusto elettorale e si faccia invece carico di far sentire le voce dei nostri concittadini presso tutti gli organi istituzionali competenti: sono le questioni serie, delicate ed urgenti come queste che interessano davvero gli ispicesi e che meritano una giunta comunale in prima linea e capace di atti importanti".