Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 815
ISPICA - 08/03/2015
Attualità - E’ quanto pubblicato nei giorni scorsi dall’organismo di controllo

La corte dei conti "boccia" il comune di Ispica

Per l’esercizio finanziario 2013 il comune ha rispettato il patto di stabilità ma la situazione resta critica Foto Corrierediragusa.it

Per la corte dei conti al comune di Ispica non è operativo un sistema di «audit interno» e non risultano espletate, nel 2013, ispezioni ed indagini per accertare la regolarità amministrativa e contabile di specifici uffici, servizi o progetti. E´ quanto pubblicato nei giorni scorsi dall´organismo di controllo che da, comunque,atto degli sforzi compiuti dall’amministrazione comunale per recuperare i mancati adempimenti che si sono accumulati nel tempo. Il 16 dicembre 2013 è stato consegnato il referto del primo semestre 2013 corredato dal parere del collegio dei revisori e dal rapporto semestrale sulle risultanze del controllo di regolarità amministrativa. Il 31 marzo 2014 l’ente ha inviato il referto del secondo semestre del 2013, il parere dell’organo di revisione e del nucleo di valutazione. I documenti, però, erano incompleti e carenti nelle informazioni per la condizione di dissesto finanziario in cui il comune di Ispica si trova dal 27 aprile 2013, cui è conseguita la mancata approvazione del bilancio di previsione e conseguentemente dei fondamentali documenti di programmazione dell’ente, tra cui principalmente il Peg, la relazione previsionale e programmatica e il programma triennale delle opere pubbliche. Ciò non ha consentito alla sezione della corte dei Conti di espletare in maniera adeguata il controllo.

Nei fatti, tutte le delibere di consiglio comunale nel secondo semestre del 2013 e nel 2014 tendono a ridurre le spese di gestione, a diminuire progressivamente le partecipazioni, a dimezzare la dotazione organica del personale. E’ stato, inoltre, approvato il regolamento sui controlli interni ed il sistema di misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa ed individuale dell’ente. Per l’esercizio finanziario 2013 il comune di Ispica ha rispettato il patto di stabilità. Ciononostante per la corte dei conti Sicilia, la situazione resta critica.

Nella foto palazzo Bruno di Belmonte, sede del comune di Ispica