Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1373
ISPICA - 04/04/2014
Attualità - Il parlamentare fu stroncato da un infarto a soli 58 anni

Ispica ricorda la figura del senatore Dionisio Moltisanti

Intenso il programma di iniziative che si terranno lunedì Foto Corrierediragusa.it

Il 50mo anniversario della morte del senatore Dionisio Moltisanti (nella foto) sarà ricordato ad Ispica, lunedì prossimo con una serie di iniziative. Alle 17 si terrà una Santa Messa nella Basilica di Santa Maria Maggiore che sarà celebrata dal Vescovo di Noto, Mons. Antonio Staglianò; seguirà la scopertura di una lapide in Via Dante, 16 dove il sen Dionisio Moltisanti visse, operò e morì. Alle 18.30 si svolgerà la commemorazione della figura del «senatore di tutti», a cinquanta anni dalla morte, alla «Sciabica» in Piazza 2 ottobre. La serata si articolerà con la visione di un video sull’attività politica e parlamentare di Dionisio Moltisanti con gli interventi del sindaco di Ispica, Piero Rustico, che porterà il saluto della città e con il discorso commemorativo che sarà tenuto da Saverio Terranova, già sindaco di Modica. Seguiranno le testimonianze dei parlamentari Nicola Bono, Nello Musumeci e Enzo Trantino che coordinerà i lavori. La serata si concluderà con il saluto di ringraziamento della figlia dello scomparso, la senatrice Marisa Moltisanti.

«Abbiamo voluto promuovere questo cinquantesimo dalla morte, commenta la senatrice Marisa Moltisanti, perché il suo ricordo, la sua azione politica, il suo esempio non cadessero nell’oblio, ma costituissero patrimonio da trasmettere, a quanti oggi non l’hanno potuto conoscere ed apprezzato e soprattutto alle future generazioni. Il popolo era la sua grande famiglia per il quale ha saputo spendersi sino alla fine con la dignità degli uomini giusti. Il suo cuore cessò di battere prematuramente all’età di 58 anni stroncato dalla diuturna fatica parlamentare".