Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 524
ISPICA - 18/03/2014
Attualità - "Esibizione" fuori programma di Mons. Staglianò in un locale cittadino

E il vescovo Staglianò si diede al Karaoke!

Un talento canoro sconosciuto ai più, che lo avvicina tantissimo ai fedeli Foto Corrierediragusa.it

Monsignor Antonio Staglianò (foto) canta due canzoni al «Karaoke». La performance è molto piaciuta gli avventori di un noto locale cittadino dove s’è trovato per caso, domenica scorsa, l’alto prelato. La «divina ugola» (è proprio il caso d’evidenziarlo) del vescovo della Diocesi di Noto ha lasciato tutti a bocca aperta, cimentandosi addirittura in una versione tenorile della tanto famosa, quanto difficile «Margherita», scritta e cantata da Riccardo Cocciante. E, così, un qualunque pomeriggio di una qualsiasi domenica s’è trasformato in un giorno memorabile. Monsignor Staglianò s’è recato ad Ispica per la visita pastorale. Evasi gli impegni, è stato invitato in un locale del centro per un brindisi, dove, nel frattempo, una giovane ispicese festeggiava il diciottesimo compleanno: lustrini, torta, bevande e, soprattutto, «Karaoke». E il vescovo non ha saputo resistere al richiamo della musica, evidentemente una passione, e ha chiesto di cantare, spiazzando i presenti, per ben due volte. Inutile dire che la festa della neo diciottenne è stata un successo e che un simile intrattenimento, oltre che gratis pure benedetto, non poteva essere neanche lontanamente immaginato.

La voce di monsignor Staglianò è stata comunque la vera sorpresa. Un talento canoro sconosciuto ai più, che lo avvicina tantissimo ai fedeli. Non tutti sono in grado di cantare, ma tutti amano farlo e il vescovo della diocesi di Noto, mettendo in piazza questa capacità ed evidenziando l’universalità del linguaggio dell’arte, ha accorciato le distanze col popolo di Dio, il suo.