Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 816
ISPICA - 08/05/2008
Attualità - Ispica - Dura denuncia del segretario provinciale movimento giovani

Servizio 118 inefficiente:
lo denuncia Santoro dell´Udc

Auspicata una radicale soluzione in vista del periodo estivo Foto Corrierediragusa.it

«Puntualmente, in prossimità del periodo estivo, tragici incidenti stradali riportano all’attenzione il problema della «inefficienza» del servizio 118 per la mancata presenza di una Centrale operativa in provincia di Ragusa. Qualora si dovesse riscontrare l’ennesimo disinteresse saremo pronti a mobilitare la popolazione affinché si tuteli il diritto alla salute»: è quanto denuncia in una nota Marco Santoro (nella foto), segretario provinciale del movimento Giovani Udc. L’incidente sul territorio di Vittoria che ha drammaticamente spezzato la vita di un giovane, mietendo l’ennesima vittima di incidenti sulla strada, ha scosso le coscienze degli ispicesi, riconducendoli con la mente al mese di luglio del 2005, quando per carenze di soccorsi si spense prematuramente Valerio Cannizzaro. Lutto che, oltre ad annientare i genitori e il fratello del giovane, si rinvigorisce ogni qual volta si registrano assurde morti per carenza di servizi adibiti al primo soccorso.

Gli eventi che si sono succeduti nei giorni scorsi fanno tristemente constatare come la questione mala sanità continui ad essere da troppo tempo attuale. «I giovani Udc ? spiega in tal senso Santoro ? diversi mesi fa hanno, con una lettera inviata dalla segreteria provinciale del movimento, chiesto ai 12 comuni Iblei di adottare un ordine del giorno a sostegno dell’istituzione di una Centrale operativa del 118 in provincia di Ragusa: oggi, solo alcuni comuni, come Giarratana e Chiaramonte, hanno risposto positivamente a tale richiesta. La negligenza ? evidenzia ? riscontrata nei restanti comuni mette in risalto ancora una volta come sia palesemente assente la volontà politica riguardo allo spinoso tema della sanità, che continua ad essere accantonato, quasi, come se si volesse volutamente evitare di affrontarlo, a difesa di chissà quali interessi personalistici che poco hanno a che fare col diritto alla salute. Ricordiamo tra l’altro il decreto dell’assessorato regionale alla Sanità che ha previsto la chiusura di tutte le guardie mediche turistiche per l’imminente stagione estiva e che, oggi, risulta essere stato dimenticato».

I Giovani Udc auspicano che la classe politica eletta alle recenti consultazioni elettorali affronti in tempi stretti tali importantissime tematiche.