Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 822
ISPICA - 05/11/2013
Attualità - La cittadina non sfrutta la spinta turistica del celebre commissario

Ispica non riesce a cavalcare la "Montalbano mania"

Nessun piano utile per intercettare i turisti stranieri Foto Corrierediragusa.it

Esplode all’estero la Montalbano mania, ma il Comune non cavalca l’onda turistica che il commissario più famoso d’Italia solleva, non sfruttando la linea aerea Londra – Comiso, richiesta espressamente per visitare i posti che sono stati il set della fiction. Ispica, nonostante sia fra i luoghi maggiormente «frequentati» dal poliziotto più conosciuto in Europa, non presenta un piano utile ad intercettare i turisti stranieri presi dal pittoresco personaggio, frutto della fantasia di Andrea Camilleri e protagonista di tanti dei suoi romanzi.

I riflessi della Montalbano mania sono straordinari sul turismo nei luoghi dove le diverse serie televisive sono state ambientate. Ispica fa parte dei «luoghi di Montalbano», l’Amministrazione comunale potrebbe quindi approfittarne e adottare misure per sfruttare i flussi che, grazie anche all’aeroporto di Comiso, si stanno concentrando nella zona. L’idea è lanciata da Gianni Stornello, maturata nell’ambito del coordinamento democratico del quale è segretario poiché formato da intellettuali come Paola Tonaca, Salvatore Belluardo, Diego Ciranda, Gabriella Cocuzza, Carmela Corallo, Nino Fermo, Nino Gianì e Giovanni Tringali. «In Gran Bretagna – spiega Stornello – la Bbc sta mandando in onda «Il commissario Montalbano» e proprio da lì gruppi organizzati sfruttano la linea aerea Londra – Comiso, chiedendo di vedere i luoghi che sono stati il set della fiction. Ad Ispica sono state girate scene importanti, specie delle serie più recenti. Ricordiamo il loggiato del Sinatra e gli interni della società operaia «Garibaldi», di Palazzo Modica in corso Garibaldi e del casino Bruno di Belmonte. Se non ci muoviamo subito rischiamo d’essere tagliati fuori dai pacchetti che i tour operators stanno predisponendo proprio per venire incontro alla forte domanda in tal senso».

Occorre preparare subito un piano. «Bisogna – spiega Stornello – incontrare le agenzie di viaggio locali, mobilitare le strutture ricettive del posto, aggiornare il sito del Comune con banner, cioè spazi, specifici e tags, cioè parole civetta, utili per essere individuati dai motori di ricerca. E, poi, prendere contatto coi tour operators britannici, dove il «Commissario Montalbano» è proposto. Si tratta non perdere un treno utile per la destagionalizzazione dei flussi turistici e, quel che più conta, a costo zero».

Nella foto il commissario Montalbano, alias Luca Zingaretti