Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 533
ISPICA - 03/10/2013
Attualità - Soddisfatto il sindaco Rustico

Dissesto: Cga accoglie istanza Ispica

Ma l’incertezza giurisprudenziale sulla materia costringe l’ente a lunghe attese Foto Corrierediragusa.it

Accolta dal Consiglio di giustizia amministrativa (Cga) l’istanza cautelare avanzata dal Comune avverso la decisione del Tribunale amministrativo regionale (Tar) di dichiarare il proprio difetto di giurisdizione in favore della Corte dei Conti, Sezioni riunite. Il Cga, inoltre, applicando l’ordinario criterio della soccombenza, ha condannato la Prefettura di Ragusa «alla rifusione, in favore del Comune, delle spese della presente fase cautelare, liquidate in mille e 500 euro». Dopo aver specificato nella motivazione «che l’appello cautelare presenta profili di apparente fondatezza nella parte in cui si censura la sentenza impugnata (quella del Tar n.d.c.) per aver dichiarato il difetto della giurisdizione amministrativa anche in relazione ai provvedimenti amministrativi adottati dal Prefetto di Ragusa e dal Consiglio comunale di Ispica», il Cga ha ritenuto «prioritario attendere la pubblicazione delle decisioni che saranno assunte dalla Corte dei Conti. Nonché dalle Sezioni unite della Corte di Cassazione, investite nel contesto di altre analoghi liti, della questione del riparto di giurisdizione in subiecta materia».

Per tali ragioni, il Collegio ha ritenuto «di non poter accogliere la domanda di sospensione dell’esecutività della sentenza gravata e di dover unicamente fissare l’udienza pubblica di discussione dell’appello» nella data del 9 luglio 2014. Il sindaco Piero Rustico (foto) ha espresso soddisfazione «per l’accoglimento da parte del Cga della domanda cautelare inoltrata dal Comune. Anche se l’incertezza giurisprudenziale sulla materia costringe l’ente a lunghe attese per vedere riconosciute le proprie ragioni sull’illegittimità della dichiarazione di dissesto».