Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1461
ISPICA - 01/01/2013
Attualità - Un 2013 che si apre all’insegna della speranza

Aumentano i poveri ad Ispica, lo dice la Caritas

Il dato è emerso durante il consuntivo dei primi diciotto mesi d’attività del centro ascolto

Aumentano i poveri ad Ispica. Il dato è emerso durante il consuntivo dei primi diciotto mesi d’attività del centro ascolto Caritas, che si occupa del supporto all’individuo e alle famiglie, fungendo da perno alla rete di solidarietà cittadina.

I responsabili Giusy Garrone e Carmelo Cataudella hanno ribadito il valore del centro nel supporto ai poveri e agli emarginati sul piano economico e, soprattutto, sul piano dell’accoglienza, dell’ascolto e dell’integrazione sociale. Abbinati all’educazione ad una più razionale e dignitosa gestione della vita e delle risorse economiche. Hanno, nella circostanza, anche snocciolato dei numeri significativi nella prospettiva dell’osservazione della povertà ad Ispica: in diciotto mesi sono stati 115 gli utenti ascoltati. E grazie ai fondi del progetto diocesano «Le vie di Gerico» sono stati pagati ben 13 mila e 400 euro in buoni spesa e altri sei mila euro circa sono stati destinati all’acquisto di farmaci, al pagamento di utenze di gas e luce, di canoni di affitto, di spese di viaggio. Lanciando, infine, un accorato appello a volgere lo sguardo ai poveri nella redazione del bilancio comunale di riequilibrio pluriennale, proponendosi per indirizzare l’amministrazione comunale su alcune voci di bilancio, avviando un percorso di interlocuzione con il Comune nella prospettiva della sinergia nella gestione dei bisogni della collettività.

I sacerdoti presenti hanno infine rivolto a tutti, amministratori e volontari, l’invito a finalizzare ogni impegno alla tutela della pace e della giustizia, focalizzando anche l’attenzione sulla dimensione della carità, che deve essere istanza umana prima che cristiana.

«È stato - ha commentato il sindaco Piero Rustico - un incontro molto importante per volgere lo sguardo ai bisogni della città da un’angolazione diversa, avviare un percorso di condivisione e collaborazione e portare avanti a livello amministrativo, con rinnovata determinazione, il progetto di tagliare su tutto in questo momento di grave difficoltà ma non sui servizi riservati ai più deboli».

Hanno preso parte all’incontro di fine anno dei responsabili e dei volontari Caritas, oltre al sindaco Rustico, i responsabili del centro ascolto del vicariato ispicese, don Mario Gugliotta e Rino Di Stefano, il vicario foraneo don Giuseppe Stella e il parroco di Santa Maria Maggiore, don Davide Baglieri.