Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 901
ISPICA - 27/12/2012
Attualità - Il malcontento è degenerato in ostilità

Netturbini in sciopero a Ispica per gli stipendi arretrati

Dopo aver trascorso le feste natalizie «a digiuno» di ben due stipendi

Le trattative sono finite. Gli operatori ecologici sciopereranno i prossimi sette e otto gennaio dopo aver trascorso le feste natalizie «a digiuno» di ben due stipendi. Annuncia l’astensione dal lavoro in una nota dai toni duri, Giovanni Lattuca, segretario provinciale della Cgil, «lanciando a tutti gli organi istituzionali l’allarme di ordine pubblico e sociale, comunicando che il sindacato non è più disposto a perdere tempo nei tavoli delle trattative».

Il malcontento è degenerato in ostilità. Lattuca comunica infatti l’intenzione di ulteriori nove giornate di astensione collettiva dal lavoro straordinario, dal 9 al 17 gennaio prossimi, se l’emergenza del pagamento degli stipendi ai netturbini non rientrerà.

Il sindaco Piero Rustico, in sostanza, aveva promesso il pagamento due stipendi nel mese di dicembre agli operatori ecologici dipendenti dalla Dusty, la ditta pagata dal Comune per la raccolta dei rifiuti solidi urbani. Ma l’impegno è stato ampiamente disatteso come spiega Lattuca che, nel documento, scrive: «Dopo gli impegni assunti dal sindaco il 6 dicembre scorso, cioè quello di saldare agli operatori ecologici una mensilità entro la metà del mese ed un’altra entro la fine del mese dello stesso mese, la scrivente Organizzazione sindacale, con il documento del 7 dicembre 2012, sospendeva le due giornate di sciopero e i sit-in di protesta previsti per il 10 e 11 dicembre scorsi.

Nella nota, si comunicava inoltre che, qualora gli impegni non venissero mantenuti, i lavoratori si sarebbero astenuti dal lavoro nuovamente nei giorni 7 e 8 gennaio 2013.Visto che – sottolinea Lattuca – gli impegni presi dal sindaco sono stati tutti disattesi, e che, in modo vergognoso, i lavoratori sono rimasti senza soldi per le feste natalizie, chiedo che siano saldate tutte le spettanze pregresse, altrimenti si conferma le due intere giornate di sciopero e i sit-in di protesta nei giorni 7 e 8 gennaio 2013, sospesi precedentemente».

Lattuca ha inviato il documento la vigilia di Natale per dare un segnale forte all’amministrazione comunale ispicese e sottolineare la gravità delle condizioni economiche dei netturbini ispicesi. La nota è stata anche indirizzata in prefettura.