Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 538
ISPICA - 12/12/2012
Attualità - Parte il progetto «Un giocattolo per tutti»

Giocattoli sotto l´albero per i bimbi meno fortunati

"L’iniziativa – spiega l’assessore ai Servizi sociali Mary Ignaccolo che ha avuto l’idea della raccolta – sarà attiva tutto l’anno"

Il Comune mette sotto l’albero di natale giochi e materiale didattico. I bambini con minori possibilità economiche devono vivere al pari dei coetanei più fortunati. Garantire i diritti dei bambini è un compito dei Servizi sociali che ha dato vita al progetto «Un giocattolo per tutti»: chi sta meglio potrà mettere a disposizione di chi sta peggio giocattoli, quaderni, penne, matite, colori, zaini, culle, passeggini, girelli, vestitini e quant’altro.

«L’iniziativa – spiega l’assessore ai Servizi sociali Mary Ignaccolo che ha avuto l’idea della raccolta – sarà attiva tutto l’anno, ma in questo particolare periodo, qual è il Natale, ha l’obiettivo di donare un sorriso a tutti quei bambini che, magari, sotto l’albero non troverebbero il loro pacchettino da scartare. È possibile donare giocattoli, materiale scolastico e articoli per la prima infanzia in buono stato. Per consegnare gli oggetti, basterà recarsi presso la sede dei Servizi sociali in via dell’Architettura, zona 167, tutti i giorni dalle 9 alle 13 e il pomeriggio nelle giornate di martedì e giovedì dalle 15 alle 17. La giornata del ritiro è fissata invece il martedì».

Ignaccolo ha perseguito l’obiettivo d’avviare il progetto in prossimità di questo Natale che si presenta meno sereno degli altri anni e che per alcune famiglie sarà decisamente triste. «Questa iniziativa servirà a fare sentire a tanti – dice il sindaco Piero Rustico – la solidarietà della comunità cittadina che ha il dovere di avere occhi attenti ai bisogni delle persone in difficoltà».