Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:04 - Lettori online 1591
ISPICA - 17/06/2012
Attualità - Attività d’osservazione a Pantano Longarini e a Pantano Bruno

Uccello estinto da oltre mezzo secolo scoperto dai liceali

Ha avuto interessanti ricadute il progetto promosso dall’Istituto d’istruzione superiore «Curcio»

Liceali scoprono un volatile estinto in Sicilia nel 1957. Ha avuto interessanti ricadute il progetto promosso dall’Istituto d’istruzione superiore «Curcio», offrendo un servizio di monitoraggio ornitologico internazionale.

Gli studenti, dopo aver studiato a scuola le metodiche di riconoscimento ornitologico, hanno effettuato l’attività d’osservazione a Pantano Longarini e a Pantano Bruno. In quelle suggestive cornici naturalistiche, sono riusciti ad individuare ed osservare una specie rara, estinta in Sicilia nel 1957, il Pollo Sultano (Porphyrio p. porphyrio). La scoperta è stata subito comunicata ad un istituto specializzato, l’Ispra di Ozzano Emilia (Bologna), che ha redatto un piano d’azione, avviando un progetto di reintroduzione della specie in Sicilia in collaborazione con la Lipu.

Gli studenti del «Curcio» hanno quindi fornito un contributo alla raccolta dati, fondamentale per il monitoraggio di questa neonata popolazione siciliana.

Naturalmente, è risultato difficile riconoscere «sul campo» le diverse specie di uccelli, ma gli studenti non si sono scoraggiati e sono riusciti a riconoscere gran parte della fauna presente sul territorio. E fra le numerose specie osservate, di particolare interesse è risultata l’individuazione di diversi fenicotteri con la zampa fasciata da un anello colorato e numerato. Il colore ed il numero, letti con il cannocchiale, sono stati comunicati sempre all’Ispra. Dall’analisi, è emerso che un esemplare è stato inanellato a Punta de la Banya, Pnde – Tarragona – Spagna ed ha raggiunto Pantano Longarini dopo il passaggio in Tunisia ed una sosta alle Saline di Priolo. Altri due esemplari provenivano invece dalla Francia (Bouches du Rhòne).

L’Ispra, è bene sottolinearlo, è il referente italiano di un progetto internazionale che prevede il monitoraggio dei popolamenti di fenicottero nel Mediterraneo e nell’Africa Occidentale, coordinato dalla stazione biologica di Tour du Valat in Francia.

Gli studenti, diventando parte attiva e positiva della comunità, si sono resi conto d’essere stati al centro del difficile progetto di monitoraggio dei Pantani intrapreso dagli Enti locali.

Il progetto Pon «Monitoraggio e studio dell’ecosistema della provincia iblea», promosso dal «Curcio», è stato realizzato grazie alla collaborazione del biologo Antonino Duchi di «Legambiente».