Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1368
ISPICA - 29/04/2012
Attualità - Iniziativa della galleria d’arte contemporanea «La Calandra»

Un omaggio a Guttuso impreziosisce l’ambiente artistico di Ispica

Una collettiva dedicata al pittore siciliano
Foto CorrierediRagusa.it

Un omaggio a Guttuso impreziosisce l’ambiente artistico cittadino. La galleria d’arte contemporanea «La Calandra», ancora una volta, si distingue per mettere insieme importanti contributi d’arte forniti da personaggi del calibro di Salvo Barone, Francesco Bertrand, Sandro Bracchitta, Carmelo Candiano, Mavie Cartia, Franco Coppa, Franco Polizzi, Gesualdo Prestipino, Lela Pupillo, Lucia Ragusa, Piero Rub Roccasalvo, Filippo Sgarlata e Gaetano Tranchino, allestendo una collettiva dedicata al pittore siciliano. La mostra sarà visitabile fino al 26 maggio.

Dimostra l’importanza della collettiva dedicata a Guttuso, il contributo offerto a «La Calandra» dalla Regione, dall’Ars e dalla Camera di Commercio. Renato Guttuso è un pittore scolpito nella storia. È nato a Bagheria, ma i genitori hanno preferito denunciarlo a Palermo per le loro idee liberali.

Bagheria è importante nella formazione artistica di Guttuso. In quel contesto, entrò in contatto con il mondo della pittura. E come raccontò egli stesso: «Tra gli acquarelli di mio padre, lo studio di Domenico Quattrociocchi, e la bottega del pittore di carri Emilio Murdolo prendeva forma la mia strada, avevo sei, sette, dieci anni»; Bagheria continuerà a fornirgli, per tutta la vita, uno straordinario repertorio di immagini e colori. Negli anni Cinquanta, a Parigi, Guttuso ha stretto amicizia con Pablo Picasso, il legame durerà tutta la vita.

In Italia, invece, con gli amici Birolli, Vedova, Marchiori, il gallerista Cairola ed altri ancora, fonda il movimento «Fronte nuovo delle arti», un gruppo di artisti impegnato politicamente che recuperava le poco conosciute esperienze artistiche europee a causa del fascismo. Nella pittura di Guttuso, infatti, sono presenti temi sociali e di vita quotidiana: picconieri della pietra dell’Aspra, zolfatari, cucitrici, manifestazioni di contadini per l’occupazione delle terre incolte.

Nel 1985, affresca i 120 metri quadrati che rappresentano la volta del soffitto del teatro lirico Vittorio Emanuele di Messina, rappresentando la leggenda del Cola Pesce. Il 18 gennaio del 1987 muore lasciando le opere più importanti alla galleria nazionale d’Arte moderna di Roma.

Nella foto di Salvatore Brancati da dx: il pittore Franco Coppa, Andrea Strano (titolare de "La Calandra"), il mecenate Michele Strano, il gallerista siracusano Mario Cucè e il pittore Salvo Barone