Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 615
ISPICA - 19/02/2012
Attualità - Si tratta della struttura gestita dall’istituto scolastico Curcio

Palestra inutilizzata a Ispica, la Provincia che fa?

Denuncia il fatto, il consigliere comunale Massimo Dibenedetto, rivolgendosi al presidente della Provincia, Franco Antoci, e all’assessore provinciale allo Sport Mommo Carpentieri

La palestra sita in via Vittorio Veneto, gestita dall’istituto scolastico Curcio, non è fruibile alle società sportive nelle ore pomeridiane. Si tratta di un struttura realizzata dalla Provincia, destinata soprattutto alla pallavolo. Non è aperta a quel pubblico, in quanto è necessario siano evasi atti burocratici. E bisogna inoltre siano effettuati lavori nello stabile, per farvi accedere attività sportive e sociali.

Denuncia il fatto, il consigliere comunale Massimo Dibenedetto, rivolgendosi al presidente della Provincia, Franco Antoci, e all’assessore provinciale allo Sport Mommo Carpentieri. Chiedendo loro «un incontro urgente utile a conoscere lo stato dell’iter sopraesposto».

«La palestra – spiega Dibenedetto – nonostante gli impegni assunti dai tecnici della Provincia, non è ancora disponibile ai cittadini nel pomeriggio, seppur realizzata con fondi pubblici. L’Istituto gestore della palestra non concede infatti alle associazioni sportive l’autorizzazione all’uso dell’impianto. E, per mancanza di strutture e indisponibilità di orari, i pallavolisti non possono lavorare adeguatamente».

L’assessore allo Sport del Comune, Serafino Arena, informa invece che, sulla non fruibilità nelle ore pomeridiane della palestra di via Veneto, «si è già insediato un tavolo tecnico, composto dalla Quarta commissione provinciale. In quella occasione, si è cercato di individuare e risolvere i problemi dovuti alla messa in sicurezza della palestra, assicurando che la struttura sportiva sarà fruibile dopo avere ottenuto i pareri favorevoli dalle autorità competenti».