Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 430
ISPICA - 11/02/2012
Attualità - Nuovi obblighi inerenti al servizio di raccolta dei rifiuti

Sanzione subito per mancata differenziata porta a porta

La nuova ordinanza è stata finalizzata a contrastare il doloso, errato smaltimento dei rifiuti, attraverso misure di controllo, repressione e sanzione degli incivili comportamenti

Esistono nuovi obblighi inerenti al servizio di raccolta differenziata «porta a porta». Attraverso un’ordinanza, sanzionando coloro i quali non rispettano alle regole, il sindaco Piero Rustico ha inteso contenere quelle situazioni di inquinamento ambientale, scaturite dall’indiscriminato «abbandono» dei sacchetti dell’immondizia fuori degli orari e dei giorni consentiti e privi della corretta separazione dei rifiuti.

La nuova ordinanza è stata quindi finalizzata a contrastare il doloso, errato smaltimento dei rifiuti, attraverso misure di controllo, repressione e sanzione degli incivili comportamenti.

L’ordinanza contiene, difatti, un puntuale elenco delle tipologie di rifiuti e i rispettivi sacchetti destinati al loro smaltimento, il calendario da osservare e le metodologie di raccolta differenziate per tipologia di utenza e localizzazione, con particolare riferimento alle contrade e a Santa Maria del Focallo.

«I rifiuti depositati in violazione delle modalità stabilite dall’ordinanza – spiega il consigliere comunale delegato all’ambiente Cesare Pellegrino – non saranno prelevati dagli operatori, ma segnalati alla Polizia municipale, che provvederà ad accertare l’infrazione ed irrogare le sanzioni previste. Siamo certi che i cittadini saranno in grado di implementare la qualità dello smaltimento dei rifiuti, eliminando i comportamenti scorretti che ancora, seppur in esigua misura, insistono».

«Oltre a combattere l’inquinamento – aggiunge il sindaco – il principio fondamentale della raccolta differenziata porta a porta è quello di limitare l’economicamente oneroso conferimento dei rifiuti solidi urbani presso le discariche. L’abbandono dei rifiuti vanifica, di fatto, gli sforzi dell’Amministrazione comunale e degli utenti che effettuano correttamente la raccolta differenziata».


Solo sanzioni, multe e aumenti di canone
11/02/2012 | 18.11.18
Corrado

Ben vengano le sanzioni e le multe contro chi deposita i rifiuti illegalmente.
Bene anche gli aumenti del canone che ci sono stati.
Ma visto che i cittadini di Ispica, la gran parte, si è attivata nella raccolta differenziata e la fa anche bene, ciò si evince dagli stessi dati del Comune; perchè, a questi cittadini virtuosi, non si torna indietro una parte del canone oppure si fa uno sconto sul canone da pagare in futuro???
Visto che grazie alla differenziata il Comune, e la società privata che gestisce per conto del Comune il servizio, ci guadagnano???
Gli Ispicesi sono sì ricicloni, ma non sono mica di co[_][_][_][_][_]ni.