Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 891
ISPICA - 24/01/2012
Attualità - E’ stato pubblicato il bando di gara per l’affidamento dei lavori

Via Sulla nuova via di fuga sud, impegnati 96mila euro

L’importo complessivo del progetto ammonta a 1 milione e 250 mila euro

Via Sulla è stata individuata dalla Protezione civile regionale quale via di fuga sud. Per tale motivo è stato pubblicato il bando di gara per l’affidamento dei lavori di completamento della via di fuga sud cittadina, che scadrà il 15 febbraio.

Con il provvedimento n. 44 del 2011, emanato dal sindaco Piero Rustico, è stata impegnata la somma di 96mila e 571 euro occorrente alla realizzazione dei collettori per le acque bianche e nere, che si aggiunge al finanziamento erogato dal Dipartimento regionale protezione civile.

L’importo complessivo del progetto ammonta a 1 milione e 250 mila euro. Le opere oggetto del bando di gara consistono in sbancamenti e scavi, realizzazione di vespai e strutture in cemento armato, approvvigionamento di acciaio, carpenteria e calcestruzzo, realizzazione della fondazione stradale, delle orlature e di opere in ferro e ghisa, nonché dei cavidotti e dei pozzetti di messa a terra, posa in opera delle tubazioni in cls ed in polietilene, formazione di muri a secco e rivestimenti in pietra. L’importo è di 937 mila euro circa, subappaltabili in misura massima del trenta percento.

L’intervento denominato «Completamento via di fuga sud in Ispica», inserito nel Piano di Rimodulazione, aveva avuto inizio con l’affidamento, da parte della Regione, degli incarichi di progettazione, direzione dei lavori ed indagini geologiche. Successivamente, fu rilevata l’opportunità che fossero realizzati, congiuntamente all’esecuzione delle opere stradali e in conformità alle previsioni del Parf, anche i collettori idrici e fognari ricadenti all’interno della strada. Il Comune si era, quindi, dichiarato disponibile a farsi carico del relativo onere finanziario, impegnandosi a porre a carico del proprio bilancio le somme occorrenti.