Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 873
ISPICA - 11/02/2008
Attualità - Ispica - Fioccano le multe salate e la decurtazione dei punti

Autovelox "killer"? Secondo
i vigili urbani sono regolari

I rilevatori di velocità non sono ben segnalati Foto Corrierediragusa.it

Gli autovelox posti sul territorio di Ispica risultano particolarmente «attivi». Fatto poco gradito alla cittadinanza, in quanto produce una serie innumerevole di multe, oltre che salate, spesso accompagnate dalla detrazione di punti sulla patente.

I rilevatori della velocità sono di solito posizionati sulla statale 115 e sulla strada Ispica - Pozzallo. Ma non sono ben segnalati. Naturalmente, su ciò non è d’accordo il comandante della Polizia municipale Giuseppe Puglisi (nella foto). «La Polizia municipale di Ispica - spiega infatti Puglisi - è dotata dell’autovelox 104/C. L’utilizzo dello stesso avviene su base settimanale e attraverso il posizionamento sulla Ispica - Pozzallo. Tale strada è stata individuata dal Prefetto come percorso sul quale non è previsto l’obbligo della contestazione immediata. A tal fine, si è provveduto a collocare i cartelli che indicano la presenza dell’autovelox. La recente normativa - sottolinea però Puglisi - non pone l’obbligo a carico dell’Ente di collocare cartelli e dispositivi di segnalazione».

Risulta difficile decifrare il linguaggio «burocratese» utilizzato del comandante Puglisi. Però, la moltitudine di cittadini che si rivolge al Giudice Pace per «contestare» le multe recapitate dopo la segnalazione da parte di autovelox «mal segnalati», rappresentano l’indicatore di un disservizio che non può passare inosservato.

Anche la legge sull’argomento è chiara. In particolare, il Decreto legge del 3 agosto 2007 n. 117 che ha regolato l’utilizzo degli autovelox. La legge recita che «le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili, ricorrendo all’impiego di cartelli o dispositivi di segnalazione luminosi».

In sostanza, vuole significare che la presenza di un autovelox deve essere preannunciata dalla segnaletica e deve essere ben visibile agli automobilisti, rendendo, in caso contrario, nulli i verbali di accertamento.

Anche il decreto del 15 agosto 2007, rappresenta l’attuazione dell’articolo 3 del Decreto legislativo117. Alcuni Giudici di Pace hanno già applicato la norma, agevolando i ricorsi degli automobilisti.

«Indipendentemente dalle critiche ? conclude il comandante Puglisi - l’autovelox è deterrente per l’eccessiva velocità ed è posto su una strada dove si sono verificati incidenti anche mortali».