Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1006
ISPICA - 19/12/2011
Attualità - Il progetto europeo continua

Studenti italiani e stranieri in Germania con il "Comenius"

Lo scorso anno, l’istituto superiore «Curcio» ospitò allievi di scuole provenienti dalla Spagna, dalla Grecia e dalla Germania

Studenti italiani, greci, spagnoli e tedeschi si incontrano in Germania attraverso «Comenius». Il progetto europeo, quindi, continua. Lo scorso anno, l’istituto superiore «Curcio» ospitò allievi di scuole provenienti dalla Spagna, dalla Grecia e dalla Germania. In questa edizione, è stata la scuola tedesca di Essen da accogliere gli ispicesi.

Dal 5 al 9 dicembre scorsi, gli studenti del Curcio sono stati coinvolti in diverse attività, accrescendo le capacità linguistiche. Hanno anche visitato le città di Colonia e di Essen, notando la diversità dell’arte rispetto alle nazioni di provenienza. Poi, hanno conosciuto l’area industriale Ruhr, che, negli anni passati, ha rappresentato il fulcro del processo di industrializzazione della nazione germanica. Inoltre, attraverso la visita alla miniera di carbone, Zollverein, hanno appreso i processi di lavorazione del carbone e l’importanza dell’industria mineraria, che ha dominato l’ascesa e il declino dell’economia tedesca. Oggi, grazie all’intraprendenza del popolo tedesco, lo Zollverein è stato trasformato in un museo e, nel 2001, è stato inserito nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’Unesco.

A scuola, gli studenti sono stati inseriti in diverse classi, partecipando a lezioni di tedesco, inglese, scienze e storia. Ciò che più ha colpito, è stato l’affetto nato fra i partecipanti, tutti provenienti da nazioni differenti. E ognuno ha parlato dei propri usi e delle proprie tradizioni, permettendo così uno scambio culturale e un confronto di idee.