Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 783
ISPICA - 19/12/2011
Attualità - Seppur parzialmente, se ne può percorrere il perimetro

Piazza Unità d´Italia riaperta al traffico. E i collaudi?

Piazza Unità d’Italia è sorta, distruggendo due piazze sorte nell’Ottocento, quindi, di interesse storico

Riaperta al traffico veicolare piazza Unità d’Italia. Seppur parzialmente, se ne può percorrere il perimetro. Dopo un anno e nove mesi di interdizione al passaggio delle vetture, si può proseguire lungo le estensioni delle vie Venti Settembre e Roma, ponendo fine, almeno per il momento, ai disagi causati ai residenti, costretti ad effettuare deviazioni di centinaia di metri per raggiungere le abitazioni.

La Polizia municipale ha rimosso le transenne e collocato segnali stradali temporanei, eseguendo un’ordinanza del sindaco. L’amministrazione comunale pare abbia deliberato solo la riapertura provvisoria del parziale perimetro di piazza Unità d’Italia. La provvisorietà dell’ordinanza scaturisce dal non evaso iter burocratico inerente ai collaudi, che, quindi, non sono stati ancora effettuati. Ciò non impedì, l’estate scorsa, di organizzare un concerto in piazza, evidenziando un certa superficialità nel garantire l’incolumità degli ispicesi.

Piazza Unità d’Italia è sorta, distruggendo due piazze sorte nell’Ottocento, quindi, di interesse storico. Ben non si comprende, dunque, secondo quale criterio abbiano agito coloro i quali fornirono al Comune l’autorizzazione a procedere alla distruzione/costruzione. Il quesito se lo è posto lo storico Sesto Bellisario, denunciando il fatto alla Sovrintendenza. Bellisario, quali risposte attende dalla Sovrintendenza?

«Se e quale tipo di ristrutturazione ha autorizzato la Sovrintendenza relativamente alle distrutte piazze Regina Margherita e Maria Josè, per controllare la corrispondenza tra quanto autorizzato e l’effettiva realizzazione dei lavori. Nel caso si riscontrassero anomalie o difformità esecutive, qualcuno dovrebbe rispondere delle proprie scelte».