Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1442
ISPICA - 08/02/2008
Attualità - Ispica - Il quesito del segretario cittadino del Pd Muraglie

Conferimento rifiuti: a quanto
ammonta il debito con Scicli?

Sotto accusa l’assessore all’ecologia Pellegrino Foto Corrierediragusa.it

«A quanto ammonta il debito sui rifiuti conferiti a Scicli, contratto dal Comune? E il 28 febbraio, nel momento in cui la discarica di San Biagio (nella foto) chiuderà i battenti, l’amministrazione comunale ispicese per quale soluzione opterà? Dove saranno conferiti i rifiuti a partire dal 29 febbraio»: è quanto si domanda Pierenzo Muraglie, segretario del Partito democratico. I quesiti scaturiscono dalla necessità di fare chiarezza, visto l’ingiustificato silenzio sull’argomento.

Muraglie denuncia infatti che l’amministrazione, ed in particolare l’assessore all’Ecologia, Cesare Pellegrino, non hanno finora prodotto i risultati ottenuti dalla raccolta differenziata e sulle eventuali iniziative in sostegno della stessa. Oltre a tacere quale contributo porterà al tavolo provinciale, dopo aver partecipato alla conferenza di servizio presieduta da Salvo Mallia, assessore provinciale al Territorio e all’Ambiente.

In sostanza, il Pd chiede che, considerate le ombre non fugate su quel che accadrà il 29 febbraio, il giorno in cui chiuderà i battenti la discarica di San Biagio, il problema sia affrontato al più presto in consiglio comunale.

«Sui rifiuti ? spiega Muraglie ? Cgil, Cisl e Uil hanno richiamato Ato ambiente alla proprie responsabilità, sostenendo l’idea, condivisa dal Pd, dell’immediato avvio della raccolta differenziata con una gara provinciale unica per l’affidamento della stessa. Non è ? precisa ? nostra intenzione creare inutili allarmismi. Vorremmo solo che il sindaco Piero Rustico e l’assessore Pellegrino provvedano ad informare i cittadini sullo stato attuale delle cose. Anche perché Scicli non è disposta ad accettare proroghe sulla chiusura di san Biagio».

Insomma, la spada di Damocle dei rifiuti pende anche su Ispica. Un Comune che in questo settore non ha mai offerto il massimo dei servizi, nonostante le salatissime bollette recapitate all’utenza.