Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1396
ISPICA - 25/09/2011
Attualità - Il cimitero comunale sarà privatizzato

L’adozione del Prg non riceverà il placet della Regione

Il documento è privo della Valutazione ambientale strategica

L’adozione del Piano regolatore generale non riceverà il placet della Regione, in quanto privo della Valutazione ambientale strategica (Vas), il cimitero comunale sarà privatizzato, la fascia costiera è priva di servizi e non è stato mai effettuato il Piano spiagge. È quanto emerso dall´incontro dei rappresentanti del Partito democratico.

«Si revochi immediatamente il Prg – ha detto il consigliere Pierenzo Muraglie – che non potrà essere approvato perché privo della Vas, così come peraltro scritto in un documento inviato dalla Regione al Comune (Il documento è stato mostrato durante la conferenza stampa n.d.c.). In tal senso, domani presenteremo una mozione durante il consiglio comunale. Vogliamo che il Piano nasca dalla condivisione con le espressioni dell’economica locale e le esigenze delle famiglie».

Se il Prg non sarà revocato dal Comune, provvederà la Regione, ma non prima di due anni circa. È opportuno evidenziare questo aspetto per tutelare il cittadino dagli speculatori edilizi, i quali, nel frattempo, vendono immobili, spacciando per approvato il Prg e aumentando, con questa scusa, i prezzi di case e di terreni in modo considerevole.

Giuseppe Roccuzzo ha invece lanciato l’allarme sulla privatizzazione del cimitero comunale. «Si stanno preparando – riferisce il consigliere – a privatizzare il cimitero comunale attraverso il project financing. Significa che morire, ad Ispica, costerà di più».

La fascia costiera è invece priva di servizi. «Non esiste progetto – riferisce il segretario Gianni Stornello – per opere pubbliche e per migliorare i servizi lungo la costa, come l’ampliamento della rete idrica e di quella fognante. La fognatura di viale Kennedy e il depuratore ad essa collegato sono state realizzate, ma non sono ancora in esercizio. Sul Piano spiagge – conclude – riferirono dal Comune, dieci mesi fa, che risultasse pronto. Questa risposta pervenne dopo le sollecitazioni del Pd sull’argomento. Invece, un’altra estate è passata nell’inerzia».