Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:09 - Lettori online 1699
ISPICA - 23/06/2011
Attualità - Succede alla scuola elementare San Giuseppe

Niente soldi per la scuola? Ci sono i "papini imbianchini"!

I genitori dei piccoli alunni dipingono le pareti pur di consentire ai figli di imparare in un luogo consono alle loro esigenze

Il Comune non ha soldi per rinfrescare le pareti delle aule della scuola elementare San Giuseppe e i papà degli allievi s’improvvisano imbianchini, sacrificando lo scorso fine settimana, pur di consentire ai figli di imparare in un luogo consono alle loro esigenze.

La notizia non giunge dai genitori indignati, ma da un giornalista che ha denunciato il fatto. Le famiglie hanno così dimostrato altissimo senso di responsabilità nei riguardi del figli, nessuna voglia di fare polemica e voglia di restituire dignità all’istituzione Scuola.

Dove non arrivano i fondi del Comune, insomma, giunge per fortuna il buon senso dei cittadini. Il denaro pubblico, e questa ne è l’ennesima dimostrazione, è utilizzato solo per manifestazioni futili, mentre gli studenti delle elementari fanno lezione «immersi» nell’umidità, i dipendenti comunali non percepiscono gli stipendi e chi presta servizi al Comune non viene liquidato.

Il senso del dovere e l’amore verso i figli ha però condotto quindici papà, sabato e domenica scorsi, attrezzati di pennelli, rulli e vernici, ad imbiancare le pareti delle classi dei figli e fare loro trovare, a settembre, un ambiente più igienico. Si tratta dei genitori di studenti delle classi prime, seconde, terze e quarte che hanno prestato un servizio alla scuola del tutto gratuitamente.

La segreteria dell’istituto provvederà forse a coprire le spese delle vernici. Il plesso San Giuseppe da parecchio tempo necessitava di manutenzione. Le casse in rosso del Comune, della scuola stessa e di tutti gli enti deputati a provvedere alla «salute» ed alla «salubrità» degli edifici scolastici hanno però costretto gli scolaretti tra pareti non accoglienti.