Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1075
ISPICA - 28/05/2011
Attualità - Iniziativa dei sindacati Fp Cgil, Cisl Fp , Uil Fpl

Dipendenti comunali in agitazione per gli stipendi

Chiesto un confronto con l’amministrazione

Cgil, Cisl, Uil proclamano lo stato di agitazione dei dipendenti del Comune e richiedono un incontro con gli amministratori. Tutto parte dagli stipendi non percepiti dagli impiegati, in quanto pagati sempre pi in ritardo rispetto alla data prevista, ma, in realt, il dissesto finanziario dellEnte non forse da escludere.

I rappresentanti delle organizzazioni sindacali, Mattisi, Marino e Dipasquale, lo annunciano in documento dai contenuti duri, domandando limmediato avvio di un confronto con lAmministrazione al fine di verificare le modalit atte a garantire una puntuale corresponsione degli emolumenti futuri ai dipendenti dellEnte a partire dallo stipendio del mese corrente. Preannunciando che in mancanza di riscontri positivi, sulle questioni sollevate, saranno intraprese eclatanti azioni di lotta a tutela dei diritti e della dignit dei lavoratori comunali.

Le Organizzazioni sindacali lo scorso 26 maggio hanno partecipato allassemblea dei dipendenti comunali per discutere sul ritardato pagamento della mensilit di aprile, sulla mancata corresponsione del salario accessorio relativo agli anni 2009 e 2010 e sulle prospettive inerenti alle future retribuzioni.

In quella sede, secondo quanto reso noto dai sindacalisti, il sindaco Piero Rustico ha fatto una fugace apparizione. Utilizzando un pretesto, ha addirittura preferito allontanarsi, piuttosto che confrontarsi sulle criticit di cassa in cui versa il Comune. Fatti che lo hanno persino indotto a paventare la dichiarazione di dissesto finanziario.

I sindacati manifestano quindi disaccordo. Li irrigidisce la scarsa volont dellAmministrazione nelleffettuare una programmazione dei flussi di cassa per il restante periodo dellanno, nonostante la loro pressante richiesta. Modus operandi che avrebbe consentito al personale di avere certezza sui pagamenti degli stipendi e del salario accessorio pregresso. Per questi motivi, minacciano azioni di lotta in tutela dei diritti dei dipendenti, in assenza di un positivo riscontro alle superiori richieste. Considerato che la situazione di cassa del Comune appare oggettivamente preoccupante per la consistenza dei debiti emersi, cui si dovr far fronte. Ritenendo prioritario riservare "concludono - una disponibilit di cassa finalizzata a garantire il regolare pagamento delle spese indispensabili al funzionamento dellente e quindi delle retribuzioni dei lavoratori dipendenti del Comune, nel rispetto delle norme di legge".

Il documento stato indirizzato alla Prefettura che pare abbia gi interloquito con il segretario comunale, Antonino Di Blasi.