Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1274
ISPICA - 03/01/2008
Attualità - Ispica - Lo ha annunciato il sindaco Piero Rustico

Restyling in vista per le piazze
Regina Margherita e Maria Josè

Si tratta della più grande novità del 2008 Foto Corrierediragusa.it

Sarà presto rimesso a nuovo il salotto cittadino, le piazze Regina Margherita e Maria Josè, il nobile cuore di Ispica. Lo ha annunciato il sindaco Piero Rustico (nella foto), garantendo che le migliorie saranno apportate prima della fine del suo mandato nel 2010. Addirittura, sono stati già interpellati fior di professionisti, raccogliendo le idee e le proposte volte a non stravolgerne l’immagine, ma solo a renderla più bella.

Si tratta della più grande novità del 2008 che il primo cittadino si è riservato di rivelare durante il tradizionale incontro di fine anno.

L’appuntamento è stato utile a Rustico per fornire un elenco delle opere pubbliche realizzate, da portare a compimento e da avviare. Un vero chiodo per il sindaco che nella sua lunga lista ha posto in cima gli appena iniziati lavori di restauro di Palazzo Bruno di Belmonte, storica sede del Municipio. Culminando con l’annuncio della «nuova» piazza e di otto progetti di importanti opere in città e sulla fascia costiera.

«Però ? tiene a sottolineare il primo cittadino ? chiedo pazienza ai cittadini prima di vedere Ispica un cantiere aperto».

Gli altri due dati interessanti messi in evidenza dal sindaco riguardano la forte impennata dell’economia e l’incremento demografico: la popolazione ha superato i 15 mila abitanti; fino a due anni fa il numero dei cittadini era di poco inferiore.

«In questo momento ? spiega Rustico ? si iniziano a vedere solo alcune delle cose significative per le quali il governo cittadino ha lavorato 31 mesi. Non è stato facile ? conclude ? rimettere in moto una macchina amministrativa stanca e demotivata: abbiamo svegliato la città dal torpore economico e culturale nel quale l’abbiamo trovata».