Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1154
ISPICA - 03/01/2008
Attualità - Ispica - Se n’è andata la capostipite delle ultracentenarie

L´addio a Cristina Canonico:
la "nonnina" aveva 103 anni

Una delle poche che hanno scritto la storia di Ispica Foto Corrierediragusa.it

Alla veneranda età di 103 anni, si è spenta il primo giorno del nuovo anno Cristina Canonico (nella foto), la «capostipite» dei centenari ad Ispica. Il rito funebre è stato celebrato nella basilica di Santa Maria Maggiore. Luogo di culto amato e frequentato dalla donna, che era una fervida credente ed una parrocchiana attiva.

Nata agli inizi del secolo scorso, nel 1904, viene quindi a mancare una delle poche grandi donne della città e che hanno scritto la storia di Ispica.

La notizia della dipartita dell’ultracentenaria si è infatti diffusa in città in un baleno. Tantissime persone si sono strette attorno al dolore dei familiari e delle due figlie, recando in visita nella dimora di colei che fu la prima maestra d’asilo ad Ispica.

Cristina Canonico era quindi nota non solo per la longevità e perché fu la prima ad occuparsi dell’educazione dei più piccini, ma anche per la tempra e la forza di carattere che l’hanno sempre contraddistinta.

Si trattava di una donna energica, unica per certi aspetti, che nella sua vita non ha neanche trascurato l’impegno attivo nella politica. Ha infatti ricoperto l’incarico di segretaria provinciale del Fascio femminile.

Aveva compiuto 103 il primo di settembre. Quest’anno i rituali festeggiamenti dedicati al suo compleanno, onorati sempre dalla presenza delle istituzioni, si erano svolti in casa e con pochi intimi. La donna cominciava infatti ad accusare i primi malesseri.

Cristina Canonico è spirata fra gli affetti più cari e nel rispetto più profondo, mostratole dall’intera cittadinanza.