Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 639
ISPICA - 20/08/2010
Attualità - Ispica: la prima donna ispicese, non single, ad aver conseguito la cintura nera

Giovanna Adamo, la mamma karateca orgoglio di Ispica

I risultati ottenuti dalla signora più sprint di Ispica, oltre ad uno spiccato talento verso il karate, sono dovuti agli allenamenti del maestro Domenico Ruta
Foto CorrierediRagusa.it

Moglie, mamma, impegnata nel lavoro e, soprattutto, karateca. Giovanna Adamo (nella foto) è la prima donna ispicese, non single, ad aver conseguito la cintura nera, primo dan, durante lo stage nazionale estivo organizzato dalla «Shotokan karatedo international Italia».

I risultati ottenuti dalla signora più sprint di Ispica, oltre ad uno spiccato talento verso il karate, sono dovuti agli allenamenti del maestro Domenico Ruta. Nome noto, più all’estero che in Italia, per i successi agonistici conseguiti nel karate, anche nel recente passato.

L’importante stage si è svolto a Pesaro il nove luglio scorso. Adamo vi ha partecipato insieme con una delegazione di ispicesi, atleti della storica palestra «B - Dharma», di cui è titolare Ruta, fra i quali la figlia Jessica Baglieri, anche lei cintura nera primo dan.

La signora Giovanna è stata inoltre ricevuta al Comune, accompagnata dalla famiglia e dal maestro Ruta. Il sindaco Piero Rustico le ha consegnato una targa celebrativa per il lusinghiero risultato sportivo raggiunto.

Giovanna Adamo, quarantatre anni e madre di tre figli, pratica la disciplina del karate da nove anni con impegno ed invidiabile spirito di abnegazione. Districandosi, con una volontà di ferro e nervi d’acciaio, fra i ruoli di moglie, genitore e sportiva di successo.

L’atleta, nell’enucleare gli immani sacrifici finora sostenuti, ha colto l’occasione per lanciare un messaggio ai giovani e, soprattutto, alle donne:«Il karate – dice la signora Adamo – non è una semplice disciplina sportiva, figuriamoci i sacrifici da affrontare per una donna impegnata come me. È però possibile conciliare questo sport con il ruolo di moglie e di madre. Ed anzi, le prerogative del karate, quali la disciplina e l’autocontrollo, possono essere di straordinario aiuto anche nella vita familiare».

Giovanna Adamo è una donna fuori dal comune, la vera incarnazione della modernità e del volere è potere. Ogni giorno, o quasi, è possibile incontrarla all’interno del polisportivo Brancati, per la consueta corsa mattutina e nessuno (soprattutto quelli più giovani di lei) riesce a tenere il suo ritmo nell’andatura. Naturalmente, lei giunge non più tardi delle nove, dopo aver sistemato di tutto punto casa, aver fatto il bucato, steso i panni e aver già preparato il pranzo per mezzo giorno. All’atleta ispicese, insomma, le donne single, in carriera e che non sanno preparare manco le uova al tegamino, la fanno proprio ridere di gusto.

«Ritengo che – ha infatti dichiarato il sindaco Rustico – la grinta e la forza di volontà di Giovanna Adamo, nel conseguire questo ambito e prestigioso traguardo, possano fungere da sprone, ed esempio, per i tanti giovani ispicesi che si avvicinano alle arti marziali ed alla pratica sportiva in generale. A lei, alla figlia Jessica ed alla sua splendida famiglia auguro un futuro ancora più ricco di successi e soddisfazioni».