Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1578
GIARRATANA - 09/04/2012
Attualità - Alla ricerca delle lontane origini

Studenti siculo paraguaiani saranno a Ragusa ad ottobre

Felice esito della missione giarratanese in Asuncion guidata dal direttore dell’Associazione Ragusani Mondo Sebastiano D’Angelo
Foto CorrierediRagusa.it

Cosa spinge un ragazzo paraguaiano di origine siciliana di quarta o quinta generazione ad essere assillato dal bisogno di conoscere le proprie radici, a ricercare l’origine della propria famiglia, a chiedersi da dove e da chi proviene, da quale mondo lontano partirono i propri avi? E’ quanto si è chiesto la delegazione giarratanese a chiusura del soggiorno in Paraguay. Una esperienza ricca di significati culturali, foriera di futuri interscambi, sublimati al termine del soggiorno nella scelta di 20 giovani paraguaiani di origine siciliana vincitori di un concorso pubblico che li abilita a partecipare, nel prossimo ottobre, ad un viaggio premio nella Sicilia dei loro «bisvueli». La selezione è parte integrante dell’interscambio culturale promosso tra il comune di Giarratana e l’Unione dei Siciliani del Paraguay.

Dinanzi ad una giuria qualificata, composta fra gli altri dal ministro Paraguaiano per la pianificazione Hugo Aranda e dall’Ambasciatore italiano Pietro Porcarelli, i ragazzi hanno ricostruito la storia della propria famiglia partendo dai primi avi che misero piede in Paraguay, arricchendo spesso l’esposizione con citazioni dialettali tramandate da padri e nonni, accompagnate da un irrefrenabile desiderio di poter rivivere all’inverso il percorso dei primi emigrati. Ed alla fine nei volti di tutti, ragazzi vivaci, brillanti ed interpreti dei tempi attuali, una piccola lacrima a segnare un viso nel quale traspare una antica sicilianità.

Motivo di particolare compiacimento, constatare che la maggior parte di loro derivano da emigrati iblei. Si è concluso così nel migliore dei modi il soggiorno dei giovani laureati giarratanesi in terra paraguaiana, con la selezione di venti pari età che avranno modo di partecipare nel prossimo mese di ottobre ad un viaggio premio in Sicilia, alla ricerca dell’identità e della memoria dei loro progenitori. Il progetto vedrà la collaborazione congiunta del Comune di Giarratana, con un gruppo di famiglie ospitanti, della Rete Regionale dei Musei dell’Emigrazione e dell’Associazione Ragusani nel Mondo. Uno sbocco di grande significato per la missione culturale promossa dal sindaco Pino Lia con il Patrocinio dell’Assessorato regionale al Lavoro.

Sono stati per i ragazzi giarratanesi giorni di intenso e proficuo lavoro, che ha lasciato in tutti una enorme traccia formativa. Accolti con grande interesse ed entusiasmo dalla locale comunità sicula, che fa capo all’Unione dei siciliani del Paraguay, i giovani della delegazione (William Ansaldi, Elisa Vargetto, Valeria Caravello, Giulia Denaro e Marina Azzaro) hanno concluso un ciclo di investigazioni e ricerche che ha fatto emergere nuovi dati nella ricostruzione delle famiglie e dell’identità culturale siciliana sopravvissuta nei decenni alle ondate migratorie di fine ottocento e inizio novecento, nelle quali furono coinvolti centinaia di iblei della zona montana e del capoluogo. Si arricchisce, pertanto, di nuovi e preziosi capitoli la ricerca su un fenomeno dai vasti risvolti etno-antropologici, che permette di far piena luce su un fenomeno fino a qualche anno fa poco conosciuto, ma che ora, grazie all’azione congiunta della Rete Regionale dei Musei dell’migrazione, retta dal prof. Marcello Sajia, e dell‘Associazione Ragusani nel Mondo, si impone in tutta la sua valenza storica.

L’azione delle due istituzioni è servita a risvegliare nella comunità siciliana di Asuncion e dei villaggi dell’antica Colonia Trinacria il desiderio di scoprire la comune identità, insieme ad un forte radicamento verso quello che rimane del patrimonio di valori originari, fonte di orgoglio collettivo.
Nella foto Sebastiano D’Angelo e la delegazione in Asuncion