Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 551
COMISO - 28/07/2010
Attualità - Comiso: lavori ancora bloccati nonostante i vincoli decaduti

Cantiere via Ceckov fermo: i residenti chiedono perché

L’assessore Alberto Belluardo aveva risolto il problema con la Sovraintendenza ai Beni culturali. Il segretario del Pd Gigi Bellassai: «Chiediamo ragguagli in merito all’utilizzo delle risorse individuate nel capitolo 3610 del bilancio 2009»

Si torna a parlare di due strade cittadine di Comiso i cui problemi ci erano stati segnalati qualche mese fa ( nella foto ). I lavori appaltati il 22luglio 2009 e finanziati con fondi comunali, sarebbero dovuti essere consegnati entro 90 giorni, e cioè il 3 agosto 2009. Ma qualche settimana dopo l’inizio dei lavori, sono sopraggiunti degli inspiegabili vincoli archeologici che non hanno consentito il completamento. Dopo la segnalazione dei numerosi residenti al nostro giornale, l’assessore competente, il dott. Alberto Belluardo, si è adoperato per dirimere tutta la matassa, e in breve, dopo chiarimenti con la Sovraintendenza ai Beni Culturali, i vincoli sono decaduti.

Ma a distanza di un anno, i residenti sono tornati alla carica. Le due strade sono ancora incomplete, i lavori interrotti da un anno, ed i disagi per gli abitanti, continuano. Ma se adesso è tutto in regola, perché le due strade da realizzare con somme comunali già stanziate da un anno, versano ancora in uno stato di totale dissesto? Questo quanto si chiedono i residenti.

In merito alla vicenda, è intervenuto anche il segretario del Pd, Gigi Bellassai, che in una nota dichiara : «Chiediamo un chiarimento circa il futuro del cantiere di via Ceckov oltreché ragguagli in merito all’utilizzo delle risorse individuate nel capitolo 3610 del bilancio 2009 (63.000 euro) originariamente destinate alla realizzazione della succitata arteria».