Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1001
COMISO - 23/07/2010
Attualità - Comiso: intervento degli ambientalisti pungola l’amministrazione comunale

Ambiente, Ciaula, la luna e Pirandello. L´immondizia a Comiso chi la vede?

L’associazione ambientalista ricorda ad Alfano che nulla è stato fatto per dare decoro alla città. Neanche la disinfestazione del centro e delle periferie, invase da zanzare tigri e blatte. Polemiche fra ambientalisti e Pdl

"Capra...! Così avrebbe risposto Vittorio Sgarbi a chi confonde Capuana con Pirandello, da come si evince nella nota pubblicata da un illustre anonimo a risposta dell’articolo di Fareambiente relativo alla situazione ambientale di Comiso".

Ospitiamo la risposta di Piero La Perna, convintì che la vicenda si chiude qui per l´una e per l´altra parte. "Avremmo di certo preferito leggere una smentita articolata alla critica costruttiva di «FareAmbiente« o ancora meglio un impegno a modificare e migliorare la politica ambientale di Comiso invece della sterile polemica sulla luna di «Ciaula «, novella scritta da Pirandello e non da Capuana!

Nella novella di Pirandello,… Ciaula scopre la luna ma i Comisani hanno scoperto all’inizio della stagione estiva un paese infestato da zanzare e scarafaggi. Credo che i cittadini di Comiso non meritino tutto questo e non sono abituati a vivere in questo disordine. Per questo « FareAmbiente « non è rimasta in silenzio e, di certo, non metterà il prosciutto sugli occhi per fare cosa gradita a qualche «Principe».


LA RISPOSTA DEL PDL A LA PERNA

Il Pdl rispedisce al mittente le critiche dell’associazione Fareambiente, secondo cui Comiso non sarebbe il massimo dal punto di vista della pulizia, almeno stando all´opinione di Piero La Perna.

Il Pdl, in una nota, sostiene che "La Perna si scopre amante della natura e del verde cittadino appena all’indomani della sua estromissione dal Collegio dei Revisori dei Conti della Soaco.

Che il ritrovato tempo libero sia stato foriero di un inedito amore per la natura? Non sarebbe certo un male, Luigi Capuana racconta in "Ciaula scopre la Luna" proprio del fatto come elementi dell´universo, (per Ciaula la luna, per La Perna la natura), sempre state al loro posto, possano essere scoperti come delle assolute novità!.

Le accuse di La Perna, tuttavia - chiude la nota del Pdl - sono del tutto infondate e spiace constatare che si possa usare un’associazione ambientalista, con scopi certamente nobili, per finalità diverse".

LE CRITICHE DI LA PERNA
Dopo le denunce e proteste del Pd e di Fabio Fianchino circa lo stato di degrado che si vive a Comiso in tema ambientale, anche l’Associazione «FareAmbiente», con il coordinatore comunale Piero La Perna, interviene per segnalare lo stato in cui versano alcune zone del territorio di Comiso, a partire da quello che dovrebbe essere una perla per la città, ossia, il piccolo boschetto di via San Biagio in prossimità del frequentatissimo incrocio (S.S. 115) che porta a Vittoria, prossimo tra l’altro alla nuova fermata degli autobus, che oggi si presenta come un terreno arido, pieno di erbacce, sporco e senza nessuna cura e manutenzione, soprattutto nei periodi estivi, quando bisognerebbe almeno annaffiarlo con l’ausilio di qualche autobotte, per cercare di non fare morire gli alberi esistenti.

«Certo, sarebbe auspicabile- scrive La Perna- poter avere proprio all’ingresso della città un campo a prato, con impianto di irrigazione, ben curato, due panchine, e una piccolo stagno d’acqua per permettere agli uccelli di bere senza esagerare con inutili, brutte e costose opere. Dall’altro ingresso della città arrivando da Ragusa, una semidesertica e triste grande rotatoria ad aiuola accoglie chiunque arrivi in Città. Anche qui basterebbe piantumarla a prato e mettere qualche alberello in più con annesso impianto di irrigazione. Magari piantumare un albero di pino con la possibilità di addobbarlo nei periodi natalizi, sfruttare un effetto scenografico, producendo una sensazione piacevole e caratteristica in quei periodi dell’anno per chi arriva in città».

La Perna dà consiglio su come abbellire tutti gli ingressi della città. «Arrivando da Pedalino, proprio nella strada che porta all’aeroporto, al bivio di contrada Bellona, troviamo nuovamente una grande aiuola piena di erbacce, arida, mal curata e praticamente avvilente. Arrivando da Santa Croce e prendendo per la circonvallazione (viale Mediterraneo) che porta a Comiso all’altezza del ponte del «passaporto», sotto, troviamo una piazzetta con giochi per bambini e delle aiuole e dei terreni completamente abbandonati con erbacce alte, tutto secco, pericoloso per i bambini e degradante, con le grandi margherite in legno caratteristiche di quella piazzetta, con i petali staccati e sbiaditi».

La Perna ricorda agli amministratori che in questi due anni trascorsi non è stata fatta neanche un’opera di disinfestazione dall’inizio della stagione estiva e che il centro e le periferie sono invasi da zanzare tigri e da blatte.

«Interventi poco costosi di manutenzione semplici - conclude La Perna- e un po’ più di buon senso, la cui necessità è sotto gli occhi di tutti, permetterebbero ai cittadini di Comiso di vivere in un ambiente più gradevole, pulito e bello, non dimenticando che la bellezza del territorio ha anche un ruolo sociale e comportamentale, di prevenzione contro il degrado e le azioni di malcostume».