Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 852
COMISO - 20/07/2010
Attualità - Comiso: concluso l’iter giudiziario fra il Comune e la cooperativa Artemide

Assistenza agli anziani, per il Cga affidamento regolare

La presidente della cooperativa Rita La Terra aveva presentato un altro ricorso, dopo il rigetto del Tar. L’assessore Salvo Girlando: «Conosciamo le regole della trasparenza e della legalità»
Foto CorrierediRagusa.it

Assistenza domiciliare agli anziani: il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia con sede a Palermo ha respinto il ricorso d´appello presentato dalla Cooperativa Sociale Artemide avverso l´aggiudicazione del servizio di assistenza domiciliare agli anziani.

Nel giugno scorso analogo provvedimento è stato emesso dal Tar di Catania in primo grado. La presidente della coop Artemide Rita Laterra (nella foto) aveva dichiarato contro l’assessore ai servizi sociali, Salvo Girlando: «La trasparenza e la legalità, delle quali Girlando disconosce significato e portata, sono invece oggetto dell’attenzione del giudice ordinario: la giustizia, spesso, ha tempi lunghi e noi non abbiamo fretta». Ma in tempi solleciti, anche il giudizio di secondo grado, non ha dato ragione alla cooperativa sociale.

Soddisfazione è stata espressa dall´assessore alle Politiche sociali e della famiglia Salvatore Girlando: "La trasparenza e la legalità pagano sempre – ha dichiarato l´assessore Girlando -Fin dall´inizio ero certo della regolarità del bando, redatto con grande scrupolo. Ora, dopo la prima sentenza del Tar, arriva il giudizio d´appello del Cga di Palermo a confermare come verità e ragione stanno dalla parte dell´amministrazione comunale, con buona pace del ricorrente». L´autorevolezza delle due sentenze è di chiara evidenza, ma magari la presidente della Cooperativa Artemide avrà qualcosa da ridire ancora. Il mio consiglio è di accettare quella verità e ragione spesso invocata che però anche i giudici palermitani hanno stabilito non stare dalla sua parte. Oggi si chiude nel migliore dei modi una vicenda che ci ha amareggiato, anche per gli attacchi strumentali e personali, più volte reiterati, ma che abbiamo vissuto con la tranquillità di aver agito bene".