Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 731
COMISO - 16/04/2010
Attualità - Comiso: il caso della Spallanzani ancora irrisolto

Palestra al buio. Assessore Puglisi "Il problema va risolto"

"Abbiamo ereditato un debito enorme per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica pubblica e siamo morosi con l’Enel"
Foto CorrierediRagusa.it

Dopo quasi un mese la palestra Spallanzani è ancora al buio, ma vengono fuori nuove verità. Circa un mese fa era stato segnalato da parte dei dirigenti della squadra femminile under 14 di pallavolo, il problema della mancanza di corrente elettrica nella struttura sportiva comunale. Ma da allora, la palestra è rimasta al buio con conseguenti disagi per le giovani atlete dell’ Ardens che si allenano ancora con orari ridotti, e per giunta in prossimità dei tornei. Dopo gli interventi della squadra dei servizi tecnici comunali, pare che il problema sia scaturito da alcune fatture dell’ Enel insolute.

«Il problema va risolto – ha commentato l’assessore alle finanze ed allo sport Raffaele Puglisi (nella foto) – in un modo o in un altro, ma credo siano doverose alcune puntualizzazioni. Abbiamo ereditato un debito enorme per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica pubblica e per questo stiamo cercando da quasi due anni di liquidare degli acconti mensili pari a circa 50 mila euro. Sicuramente – ha continuato Puglisi – è poca cosa per colmare la situazione debitoria accumulatasi negli anni.

Stiamo anche cercando di verificare se questi debiti pregressi, siano la causa del depotenziamento del contatore della palestra Spallanzani. Non siamo rimasti comunque immobili davanti al problema, tant’è che ieri il sindaco Alfano, ha avuto un incontro con i vertici palermitani dell’ Enel. A breve quindi – ha concluso l’assessore – saremo in grado di sapere quali siano le reali motivazioni, e trovare le opportune soluzioni».