Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 820
COMISO - 25/11/2007
Attualità - Comiso - Valorizzare i «lavori femminili» con i ricami in primis

La città celebra lo Sfilato
con il convegno sull´artigianato

Tre tipi di sfilato siciliano: quattrocento, cinquecento, settecento Foto Corrierediragusa.it

«Ars Sicaniae Labor» : così è stato intitolato il convegno che si è tenuto a Comiso nella Sala Pietro Palazzo per valorizzare e sviluppare economicamente l’Artigianato Artistico Territoriale.

Il convegno, organizzato dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’Associazione Nazionale Unione Artisti Artigiani, ha mirato a valorizzare i «lavori femminili». I ricami esposti sono stati realizzati da donne comisane in tre tipi di sfilato siciliano: quattrocento, cinquecento, settecento.

Obiettivo dell’incontro: fare emergere i lavori femminili e metterli in rapporto con la produzione del mercato moderno per far loro guadagnare spazio di rispetto che li valorizzi.

Durante il convegno è intervenuto l’assessore all’ Artigianato e Sviluppo Economico Luigi Belluardo che ha dichiarato che l’arte del ricamo potrebbe rappresentare una risposta valida ai problemi dell’occupazione femminile portando alla luce il lavoro sottopagato delle ricamatrici.

Dunque la Città non deve essere ricordata solo per la famosa «Pietra di Comiso», ma anche per lo sfilato, la più nota manifattura che caratterizza la realtà ragusana.