Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 941
COMISO - 13/03/2010
Attualità - Comiso: l’amministrazione usa le maniere forte verso chi non presenta progetti

Revocati due lotti artigianali, scorre la graduatoria

Sia il sindaco Alfano che l’assessore Dipietro l’avevano preannunciato: «Chi non presenta progetti va fuori graduatoria». Due assegnatari non hanno risposto alle sollecitazioni e sono scavalcati
Foto CorrierediRagusa.it

Revocati due dei 6 lotti della zona artigianale di contrada Donnadolce. Gli assegnatari erano inottemperanti e non hanno risposto all’invito degli uffici che chiedevano di attivarsi entro i tempi stabiliti, per presentare i progetti di edificazione degli opifici.

L’assessore alle attività produttive Salvo Dipietro (nella foto), dando seguito a quanto già annunciato nel mese di febbraio, in merito alla revoca di alcuni lotti della zona Pip, ha dichiarato «Avevo già anticipato che questa amministrazione avrebbe lavorato per favorire quelle imprese artigianali virtuose che, anche in un momento di crisi congiunturale come questo, volevano scommettere e scommettersi investendo nella realizzazione di opifici. Come verificato in questi mesi, alcuni assegnatari dei lotti non avevano nemmeno presentato i progetti di edificazione, a scapito di altri che invece - ha continuato l’assessore - pur essendo in graduatoria, non avevano avuto la possibilità di classificarsi. Grazie alle verifiche effettuate in queste settimane, gli assegnatari invitati ad accelerare i tempi di presentazione dei progetti sono risultati essere 6 in tutto».

Quattro tra loro si stanno già attivando, due invece non hanno dato alcun segnale di volere rientrare nei tempi da noi individuati. «Confido molto su queste iniziative – ha concluso Dipietro - che non solo accresceranno il patrimonio dell’imprenditoria artiginale di Comiso, ma contribuiranno ad alleviare il momento di crisi che attraversa l’Italia e che purtroppo ha i suoi riflessi anche nell’economia locale.»