Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 944
COMISO - 22/11/2007
Attualità - Comiso - Numerose le attività di quest’anno

Al via «Ecocittà dei ragazzi e Pedibus» in tutte le scuole

L’iniziativa coinvolgerà più di 3000 studenti Foto Corrierediragusa.it

Al via a Comiso e Pedalino la decima edizione di «Ecocittà dei ragazzi e Pedibus».

L’iniziativa è stata presentata in tutte le scuole le scuole materne, elementari e medie dall’assessore alla Pubblica Istruzione, Alessandra Nepote, e dall’assessore alle Politiche del territorio, Luigi Bellassai (nella foto), e coinvolgerà più di 3000 studenti.

Numerose le attività di quest’anno, in particolare ci sono tre progetti innovativi: A scuola di fumetto, Io in Europa e Mens sana in corpore sano.

L’assessore Nepote ha dichiarato che il primo ha l’obiettivo di portare nelle scuole un breve corso di approfondimento e formazione con gli insegnanti tenuto da disegnatori e sceneggiatori e una serie di incontri in classe con i ragazzi. «Io in Europa» ha, invece, lo scopo di approfondire la conoscenza e la coscienza del proprio ruolo di cittadino europeo e dell’importanza che questo può avere nel futuro dei ragazzi, l’ultimo ha lo scopo di aiutare il corpo docenti nei casi di ragazzi con disturbi del comportamento e deficit di attenzione, fornendo supporti logistici per svolgere attività alternative in grado di catturare la loro attenzione.

L’assessore Bellassai è soddisfatto del successo ottenuto negli ultimi anni perché il valore educativo dell’ecocittà dei ragazzi è andato al di là dello studio e della tutela dell’ambiente. "Lo scopo del progetto - afferma Bellassai - è sempre stato quello di diffondere non soltanto un maggiore rispetto per l’ambiente, ma anche un forte senso di appartenenza alla propria città».