Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1172
COMISO - 13/01/2010
Attualità - Comiso: importante riconoscimento per un’impresa comisana

Caec, l’arte del restauro che si afferma in tutt’Italia

La Legacoop di Ragusa parla di risultato eccezionale: «Il Caec è l’unica impresa siciliana a ricevere l’attestazione Soa

Il C.A.E.C. società cooperativa di Comiso ha ottenuto la nuova attestazione SOA per le categorie OG1 (edilizia) e OG 2 (restauro), dalla quale si evince il riconoscimento della iscrizione illimitata nelle due importanti categorie. Per la OG 2 (Restauro), inoltre, il C.A.E.C. è l’unica impresa siciliana ad essere in possesso di tale attestazione. Il presidente Biagio Fortunato e ill direttore Sebastiano Caggia hanno manifestato grande soddisfazione per il prestigioso riconoscimento.

La notizia del riconoscimento è stata data il 19 dicembre scorso alla presenza di numerosi soci e del presidente di Legacoop Ragusa Pino Occhipinti. «Questo riconoscimento- è stato detto- è il giusto premio ai tanti di sacrifici e al duro lavoro da parte del presidente Biagio Fortunato e della tecnostruttura del consorzio, accreditato oggi, in tutto il territorio nazionale.

Svariate sono state le commesse appaltate dal CAEC e ultimate con soddisfazione presso importanti città come Torino (Ospedale CTO), Savona (recupero dell’area Monticello), Trieste (sede dell’Osservatorio Astronomico), Piacenza (restauro della Mura Farnesiane), Macerata (realizzazione della facoltà di Giurisprudenza), Firenze (restauro dell’ex carcere Le Murate), Vasto (Ospedale), Monselice (CUP presso l’Ospedale , Oristano (edilizia scolastica), Pompei (realizzazione dei nuovi ingressi dell’area relativa agli scavi), Palermo ( restauro della Gipsoteca), Caltanissetta ( restauro di Palazzo Moncada), Cosenza (reparto di Malattie Infettive), Gela (restauro del Teatro Eschilo), Lamezia Terme (restauro della casa del libro antico e realizzazione, per conto dell’INAIL di Roma, del nuovo centro protesi importantissimo per tutto il meridione), e tante altre commesse di edilizia abitativa con la realizzazione di innumerevoli alloggi.

Il CAEC, oltre alle specializzazioni in edilizia e restauro, opera anche nel settore impiantistica e nell’area delle opere di consolidamento, annoverando fra le opere più importanti realizzate, la ristrutturazione dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Gela con la rivisitazione di alcuni reparti, la realizzazione di n. 6 sale operatorie all’avanguardia, e innumerevoli opere di consolidamento nei Comune di Cerami , di Ribera e di Sant’Alessio Siculo.

Pino Occhipinti, a nome di Legacoop Ragusa e di tutti i cooperatori Ragusani, nel complimentarsi con il gruppo dirigente del consorzio per il riconoscimento ottenuto, ha affermato che «il C.A.E.C. è pronto alla sfida del nuovo decennio, che ci vedrà impegnati in ulteriori processi di internazionalizzazione in vista degli scenari derivanti dall’apertura dell’area di libero scambio nel mediterraneo. All’interno della nostra organizzazione il C.A.E.C. rappresenta uno dei punti di riferimento più importanti del punto di vista imprenditoriale, avendo raggiunto un elevato rapporto di competitività nel rispetto dello scambio mutualistico con i propri associati, ponendolo in evidenza in tutto il territorio nazionale e attestandolo come il più importante Consorzio artigiano sottoforma di cooperativa del meridione d’Italia».