Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 300
COMISO - 07/01/2010
Attualità - Comiso: sarà riattivato il servizio della struttura per l’infanzia chiusa da 4 mesi

Riapre l’asilo nido comunale. Gestione ai precari stabilizzati

L’assessore Salvo Girlando giudica positiva la scelta: «Dopo la rinuncia della cooperativa esterna, sarà il personale del Comune a occuparsi della gestione, con buona pace di chi ha fatto polemiche»
Foto CorrierediRagusa.it

Riapre la prossima settimana l’asilo nido comunale. La gestione sarà affidata a personale interno al comune, stabilizzato poco più di una settimana fa. All’inizio del nuovo anno l’amministrazione comunale dà una svolta decisiva al problema dell’asilo nido comunale, rimasto chiuso per 4 mesi.

La conferma arriva direttamente dall’assessore ai Servizi sociali Salvo Girlando (nella foto). «La cooperativa che avrebbe dovuto gestire l’asilo nido comunale aveva lungamente tergiversato – dichiara Girlando – nella presentazione di un documento, facendo slittare i tempi di attivazione del servizio. Il 30 dicembre la stessa ha inviato una nota di rinuncia per «imprescindibili motivi aziendali».

Questo ha favorito un’altra soluzione. «Con delibera di giunta- dice Girlando- si è stabilito che l’asilo verrà gestito direttamente da personale interno al comune. Posso dire con soddisfazione, che ad occuparsi del servizio saranno alcuni precari stabilizzati da poco, e che sono stati selezionati tra coloro che già svolgevano questo servizio. Per cui posso garantire la professionalità e la qualità che verrà offerta. A breve l’asilo nido comunale sarà fruibile con buona pace di coloro che hanno suscitato sterili polemiche».

Forse si conclude una vicenda che ha suscitato nei mesi scorsi non poche polemiche soprattutto da parte di Rifondazione Comunista che, più volte, aveva chiesto chiarimenti sui ritardi dell’erogazione di questo servizio per il quale la giunta, aveva stanziato 45 mila euro.