Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1165
COMISO - 14/12/2009
Attualità - Comiso: i problemi dei disabili in piazza

«Noi con Voi», più attenzione verso i diversamente abili

Vendute stelle di Natale per autofinanziarsi. La presidente Vaccaro: «Vorremmo che la nostra associazione venisse iscritta all’Albo regionale delle Onlus»
Foto CorrierediRagusa.it

«Noi con Voi » scende in piazza per sensibilizzare la città sui problemi dei diversamente abili. Domenica scorsa, giorno di festa per molti, è stata la giornata che i genitori dei ragazzi diversamente abili (nella foto)hanno scelto per farsi sentire. Con la loro associazione, Noi con Voi, dalla mattina fino al tardo pomeriggio, hanno presidiato un gazebo e messo in vendita delle piantine di stelle di Natale per auto finanziarsi.

I problemi emersi sono molti. Cominciando dalla quotidianità: mancato rispetto per i parcheggi destinati ai disabili, 13 ore settimanali per 7 assistenti che devono dividersi in 4 scuole ed accudire a circa 20 bambini, centro comunale per disabili che dopo la recente riapertura, fa pagare il servizio di refezione 2,20 euro a pasto, mentre prima era gratuito. E per finire, la cooperativa che gestisce il servizio vuole mandare in psicoterapia le famiglie.

«Ci autofinanziamo – ha spiegato la presidente dell’associazione, Daniela Vaccaro - perché vorremmo che la nostra associazione venisse iscritta all’albo regionale delle associazioni Onlus, ma per farlo occorrono 3 mila euro. E da soli non ce la facciamo. Purtroppo dobbiamo affrontare tanti problemi oltre al fatto di dovere accudire ai nostri figli e la società certo non ci aiuta. Il problema delle assistenti scolastiche è il maggiore perché le ore a disposizione non sono sufficienti. Ci sono bambini autistici, bambini logolesi ed audiolesi, motulesi, che non sono affatto auto sufficienti. Quello che si fa è poco».