Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 502
COMISO - 05/12/2009
Attualità - Comiso: in piazza il "no" alla chiusura dell’ospedale «Regina Margherita»

Comiso: sull´ospedale Alfano sarà ricevuto da Gilotta

Un migliaio di persone, fra cui studenti, in piazza per manifestare contro la decisione di penalizzare non nosocomio e Pronto soccorso 24h.

Foto CorrierediRagusa.it

Il corteo formato anche da una rappresentanza di studenti delle scuole di Comiso, dalle dirigenze di tutti i partiti di maggioranza ed opposizione, dai rappresentanti del Consiglio comunale, della giunta e della deputazione iblea, si è riunito in piazza fonte Diana e si è mosso fino all’ospedale Regina Margherita. Una protesta pacata, legittima, ma poco sentita dalla città che, di fatto, mancava. Una mancata informazione capillare, o una protesta dentro la protesta per i tempi tardivi di intervento?

È stato questo l’argomento principale, oggetto di discusione durante il tragitto. Per contro, gli studenti presenti alla manifestazione, si sono organizzati con striscioni e manifesti perché probabilmente hanno focalizzato quale sia il vero rischio al quale sta andando incontro la comunità comisana senza distinzione politica.

Nello spiazzo antistante al nosocomio, sono saliti sul palco il sindaco Alfano, gli onorevoli Pippo Digiacomo ( Pd ) , Carmelo Incardona ( Pdl ) e Orazio Ragusa ( Udc ). Il presidente del consiglio provinciale Giovanni Occhipinti, il presidente del consiglio comunale Raffaele Elia ed il vice sindaco di Scicli, Matteo Gentile. Infervorato l’intervento del sindaco Alfano che ha comunicato di essere stato finalmente contattato da Gilotta.

«Dopo numerose richieste di incontro – ha affermato Alfano – finalmente mi ha contattato Gilotta. Mi ha dichiarato la sua disponibilità al dialogo e mi ha fatto i complimenti per la struttura ospedaliera di Comiso. E solo ora si accorge di quale ospedale è dotato un comune di 30 mila abitanti. Mi ha anche anticipato che il nostro nosocomio verrà dotato di una T.A.C. Ma tutti sanno che per legge, un comune di 30 mila abitanti deve essere dotato di un tale macchinario. Ma noi – ha concluso il primo cittadino- lotteremo per avere ciò che abbiamo chiesto e sancito nell’ultimo consiglio comunale: un presidio di pronto soccorso 24h, il mantenimento delle chirurgie programmate ed il trasferimento dei reparti di base a Vittoria».

Sulla stessa falsa riga anche l’intervento di Pippo Digiacomo che ha aggiunto : «E’ stata una volontà politica ben precisa quella di smantellare l’ospedale di Comiso, ma noi ci opponiamo fortemente a queste scelte che penalizzano un territorio come quello comisano, dotato peraltro di una struttura ospedaliera tra le più all’avanguardia in provincia».

SOTTO, LE FOTO DELLA MANIFESTAZIONE. CLICCATECI SOPRA PER INGRANDIRLE.