Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 880
COMISO - 28/11/2009
Attualità - Comiso: si è conclusa la tre giorni dedicata al «naso»

Naso estetico e funzionale, interventi in diretta

Il primario Attilio Denaro: «Il corso di Rinosettoplastica che abbiamo realizzato e che ha visto la partecipazione di grandi specialisti del settore è il più importante che c’è in Italia. Spero possa sopravvivere ai tagli»
Foto CorrierediRagusa.it

Si è concluso al «Regina Margherita» di Comiso il corso di chirurgia funzionale ed estetica «ComisoNaso 2009», giunto all’ottava edizione, organizzato dal primario Otorino di Comiso, dott. Attilio Denaro (nella foto con le ragazze della segreteria organizzativa Kalòs), con il patrocinio dell’Asp 7, del Cofa e dell’Amo. La segreteria organizzativa è stata curata dalla Kalòs di Guendalina Maggiore.

Ai 30 partecipanti al corso sono stati proiettati dei filmati di interventi chirurgici sulla piramide nasale e sul setto eseguiti in diretta da specialisti venuti da fuori, ripresi nella sala operatoria dell’ospedale durante l´inerveno in diretta e rivolti a medici Otorino, Maxillofacciale, Odontoiatria e Chirurgia plastica.

Un naso perfetto ed efficiente, non soltanto dal punto di vista estetico ma anche respiratorio. A questo mira il corso di specializzazione che il dott. Denaro definisce «il più importante corso di Rinosettoplastica che c’è in Italia. Sarebbe un peccato farlo morire in un ospedale che vanta uno staff eccezionale e che vuole esportare le tecniche apprese ad un’utenza maltese e africana. C’è gente venuta dall’estero per partecipare a questo corso».

Purtroppo, in questa fase di grande incertezza per la sanità iblea, che vede concretizzare i tagli dei posti letto in tutti gli ospedali, così come vuole la delibera 224 del 4 novembre 2009 firmata dall’assessore regionale Massimo Russo, niente è più sicuro come prima nel settore sanitario.